Massimo Mazzilli
Massimo Mazzilli
Politica

Città nuova: «Corato è sotto assedio»

Il movimento guidato da Massimo Mazzilli: «Le minoranze siano chiare e coese. È il momento di presentare la mozione di sfiducia al sindaco»

«Corato è sotto assedio. Sarebbe questa per noi la sintesi degli ultimi due mesi appena trascorsi dal turno di ballottaggio, che ha casualmente assegnato la vittoria al sindaco D'introno e a quella che sembrava essere la coalizione di centrodestra». Questa l'amara riflessione, affidata a una nota, dei referenti di Città Nuova.

Il movimento guidato dall'ex primo cittadino Massimo Mazzilli si era espresso sul quadro politico amministrativo locale «all'indomani del blitz del sindaco sulla nomina di un pezzo di giunta comunale: senza falsa modestia, avevamo previsto gli effetti di quella mossa azzardata e incoerente. Fiumi di parole e scorrettezze istituzionali, nonché l'improbabile e disperato ritiro delle dimissioni del sindaco a valle di un quadro politico deteriorato si sono manifestati rispetto al giorno in cui le rassegnò, ma nulla di buono è accaduto per la città.

Risultato? Corato è ostaggio di uno scontro tra il sindaco insieme a Fratelli d'Italia e Idea, contro Direzione Italia che a sua volta rappresenta anche Forza Italia e Lega: scontro che deriva da tradimenti di accordi, pretese degli uni rispetto agli altri, rendite da attribuire per i prossimi anni. Di certo, alla base, non c'è nulla che abbia a che fare con gli interessi dei cittadini.

Adesso l'assedio va rotto o l'assediato deve capitolare. Sia ben chiaro: Città Nuova ritiene che gli assediati siano Corato e i suoi abitanti, gli assedianti il sindaco e la coalizione con cui era socio e ha vinto!

Per rompere l'assedio, vista la totale irresponsabilità degli assedianti (fanno amaramente sorridere gli insulsi post social coi quali si vorrebbe attestare l'inutile e sconosciuto lavoro della giunta, durante la calura...), noi riteniamo che se gli assedianti non trovano l'accordo su come spartirsi il bottino di guerra, il ruolo lo debba prendere la città e le forze democratiche (di maggioranza nei fatti, noi compresi) che la rappresentano: è improcrastinabile presentare la mozione di sfiducia al sindaco e alla giunta, che riteniamo essere un atto dignitoso e rispettoso verso la città. Considerato che sindaco ed ex-coalizione di centrodestra hanno adottato la tattica del mutismo, tutti noi che siamo maggioranza dell'elettorato, ma minoranza dal punto di vista amministrativo, dobbiamo rompere l'assedio con comportamenti chiari e coerenti.

Per questo motivo, Città Nuova è critica nei confronti anche dei comportamenti non coerenti e solitari di alcuni consiglieri comunali in occasione delle sedute: nell'ultima del 12 agosto, si è assistito al mancato abbandono della seduta da parte di un consigliere di minoranza, in distonia rispetto alla decisione degli altri.

Invitiamo anche la minoranza a essere chiara e coesa, dato che in giro si parla di accordi e tentativi sottobanco tra esponenti della politica locale dei vari schieramenti, anche in vista delle prossime elezioni regionali e politiche nazionali. Timidamente, alcuni consiglieri comunali hanno iniziato a parlare di mozione di sfiducia: bene, Città Nuova chiede che si vada fino in fondo perché adesso è vitale liberare Corato e restituire ai coratini, dopo quasi un anno di commissariamento, un'amministrazione che pensi al futuro e si occupi dei problemi che si stanno accumulando».
  • Consiglio Comunale
  • Città Nuova
Altri contenuti a tema
Caduta dell'amministrazione, Città Nuova: «Chi paga è la città» Caduta dell'amministrazione, Città Nuova: «Chi paga è la città» Il partito dell'ex sindaco Mazzilli attacca Direzione Italia
Convocato per la nona volta il consiglio comunale Convocato per la nona volta il consiglio comunale L'ordine del giorno non cambia
Il consiglio comunale è ancora paralizzato Il consiglio comunale è ancora paralizzato Oltre tre ore di dibattito ma nulla è cambiato
Longo, Lenoci, Bovino e Michele Bovino: ci presentiamo in consiglio solo per il bene della città Longo, Lenoci, Bovino e Michele Bovino: ci presentiamo in consiglio solo per il bene della città I quattro consiglieri dell’opposizione ascolteranno la ratifica dei Revisori dei Conti
Consiglio comunale, manca il numero legale. La seduta è sciolta Consiglio comunale, manca il numero legale. La seduta è sciolta A partire dalle 18 minuto per minuto la riunione dell'assise cittadina
Bovino, Lenoci e Longo: «Voteremo i revisori ma nessun salto della quaglia» Bovino, Lenoci e Longo: «Voteremo i revisori ma nessun salto della quaglia» Il chiarimento dei quattro consiglieri di opposizione
Consiglio comunale, Longo: «Resteremo in aula per votare i revisori dei conti» Consiglio comunale, Longo: «Resteremo in aula per votare i revisori dei conti» Ieri una riunione a Palazzo di Città
Si dimette il consigliere Michele Bovino, al suo posto Michele Lotito Si dimette il consigliere Michele Bovino, al suo posto Michele Lotito L'esponente della lista "Bovino Sindaco" aveva annunciato da subito il suo passo indietro
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.