Consiglio comunale
Consiglio comunale
Politica Aggiornamenti in Diretta

Consiglio comunale in diretta da Palazzo di Città

Seguiremo in diretta testuale i lavori del consiglio

Torna a riunirsi questo pomeriggio il consiglio comunale. Sono cinque i punti all'ordine del giorno che saranno affrontati nella seduta del consiglio comunale convocata dalla presidente Valeria Mazzone alle ore 17.00.

CoratoViva seguirà l'appuntamento in diretta testuale.


Quinto punto: Programma Comunale per il Diritto allo Studio (L.R. 31/2009) e per la promozione del Sistema Integrato di Educazione e di Istruzione (D. Lgs. n. 65/2017) – Anno 2021.

Beniamino Marcone introduce al punto che viene votato all'unanimità


Ore 22.20 - Il sindaco ringrazia per gli interventi e per la collaborazione, ribadendo attenzione a tutte le questioni sollevate nel corso degli stessi, e si procede con la votazione. 15 voti favorevoli, 8 astenuti.

Ore 22.10 - Tambone: «Ringrazio l'opposizione che non vota contro e quindi in qualche modo condivide queste linee in cui la cosa più importante è la dignità delle persone».

Ore 22.05 - Colonna «Nessuna preclusione alla condivisione, ora discutiamo dello spirito dell'azione amministrativa, poi lavoreremo sui temi in commissione».

Ore 22.00 - Mascoli torna a prendere la parola ribadendo «Tutto è perfettibile, lavoriamo per il bene comune».

Ore 21.57 - Favorevole anche il consigliere Pisicchio che condivide le linee programmatiche sin dalla loro stesura, auspicando condivisione da parte dell'opposizione in sede di Commissione.

Ore 21.53 - Carminetti «Italia in Comune si esprime a favore, sono colpita dalla scelta di alcuni termini che anticipano il carattere innovativo di un programma. Da insegnante ringrazio il sindaco e gli assessori Addario e Marcone che hanno avviato un tavolo di confronto con i rappresentanti degli istituti scolastici».

Ore 21.41 - Arsale: «Apprezzo che le linee programmatiche non illudano i cittadini di Corato. Il sindaco ha posto come priorità l'assunzione di personale per poter raggiungere gli obiettivi di riorganizzazione della città».

Ore 21.39 - Voto favorevole anche da parte di Demos con De Benedittis che sottolinea l'importanza della rivalutazione del concetto di bellezza.

Ore 21.37 - D'Introno «Voto favorevole alle linee programmatiche, pronti ad accogliere le proposte e i suggerimenti dell'opposizione».

Ore 21.30 - Di Bartolomeo evidenzia due punti: condivisione delle linee programmatiche e nessuna logica spartitoria nell'accordo di sostegno a De Benedittis in sede di ballottaggio da parte delle compagini a sostegno di Longo e Bovino. «Il programma è assolutamente attuabile con allineamento e coerenza tra i programmi. Non vedo nessuno ostacolo insormontabile che possa portare i consiglieri a votare a favore delle linee programmatiche. È il momento di decidere da che parte remare, se costruire o criticare, sia pur in maniera costruttiva» - conclude confermando voto favorevole.

Ore 21.25 - Addario conferma collaborazione e apertura al confronto.

Ore 21.20 - Palmieri annuncia voto favorevole e aggiunge: «Chiedo che sia sottoscritto un piano di attuazione tra prefettura, regione e comune di corato per la sicurezza urbana che parte anche dal decoro della città e dal rispetto del cittadino per il bene pubblico. Il suo programma che investe sulla bellezza è un programma in cui credere e accogliamo con interesse quanto proviene dall'opposizione».

Ore 21.15 - La consigliera Valente dà merito alle linee programmatiche puntando a dare un contributo migliorativo, pertanto annuncia astensione al voto da parte dell'Unione di Centro. In merito ai lavori pubblici aggiunge «Cerchiamo di non sconvolgere la città storica di Corato, i giovani ci insegnano molto ma non devono dimenticare da dove provengono».

Ore 21.00 - Vito Bovino: «Non si dimentichi dello sport o dell'agricoltura. Non ho sentito parlare del problema Xylella che non va sottovalutato. Vorrei che si affronti quanto prima la certezza di avere delle regole nelle Commissioni». Invita all'approvazione del Pums e torna sulla sicurezza. «Conta quello che si fa». In merito all'edilizia scolastica solleva la questione della scuola Giovanni XXIII. Ribadendo apporto nelle commissioni, Bovino concorda sulla necessità delle assunzioni invitando anche a considerare eventuali graduatorie dei paesi limitrofi e soluzioni diverse dal bando pubblico di concorso. Poi ricorda al sindaco anche di considerare il ricollocamento del mercato settimanale, il Duc e il registro tumori. «Le annuncio la nostra astensione al voto» conclude Bovino - «Sindaco, le auguro buon lavoro, non sarà risparmiato un atteggiamento propositivo da questa parte».

Ore 20.50 - D'Imperio interviene per sincerare il consigliere Salerno «Sappiamo della possibilità di assunzioni part time per un anno al massimo e attendiamo circolare ministeriale che dia direttive per proseguire in merito. Stanziati dalla Legge di Bilancio anche fondi perchè i Comuni possano assumere assistenti sociali. C'è anche la possibilità di utilizzare coloro che hanno svolto lavori socialmente utili nel 2016 e inoltre stiamo valutando anche possibilità di utilizzo del progetto Ripam Formez a cui il Comune ha aderito nel 2013 senza mai coglierne l'opportunità».

Ore 20.45 - Mascoli: «Non è il libro dei sogni ma dei bisogni. Dobbiamo semplificare l'accesso agli atti, pensare a nuove risorse umane da inserire nel Comune e avere la percezione tangibile che i lavoratori siano una risorsa e non un costo.

Ore 20.30 - Ignazio Salerno interviene: «Ritengo brutto e inopportuno definire il nostro corso cittadino brutto e anni '80 senza tener conto di quanti vi hanno dato risalto». - esordisce, dicendosi poi concorde con quanto sollevato dal sindaco. Ritiene importante la digitalizzazione, esprime soddisfazione sulla volontà di mettere in moto il regolamento edilizio e il Pug e concorda sulla nota dolente delle assunzioni, «dalla problematica cronica del personale del nostro comune alla drammatica situazione della Polizia Locale». In merito al riutilizzo delle acque depurate per usi irrigui, Salerno ricorda la gara di progettazione già andata a termine e prevede il termine dei lavori entro il 2025. Chiede quindi di farsi parte attiva del processo. «Che queste pagine non siano il libro dei sogni. Staremo vicini alle peculiarità di tutte le attività delle precedenti amministrazioni e saremo vigili come minoranza affinchè questo avvenga nel migliore dei modi ma le preannuncio la nostra astensione al voto».

Ore 19.50 - Quarto Punto: Art. 46 - comma 3 - D. Lgs. n. 267/2000 e Art. 26 - comma 6 - vigente Statuto Comunale - Approvazione linee programmatiche. Programma Comunale per il Diritto allo Studio (L.R. 31/2009) e per la promozione del Sistema Integrato di Educazione e di Istruzione (D. Lgs. n. 65/2017) - Anno 2021.

Si danno per lette le linee programmatiche essendo tutte nella disponibilità dei consiglieri. Il sindaco procede al commento in virtù dei primi mesi di amministrazione. «Punto di partenza dovrebbe essere il personale del comune, siamo in una situazione al limite del collasso perchè non c'è stato ricambio di personale in seguito ai licenziamenti per cui i nostri uffici sono sguarniti e alcuni dipendenti hanno maturato mesi di ferie per evitare un ammanco del servizio». In merito alla Polizia Locale, aggiunge «Abbiamo solo 22 agenti in servizio ma dovrebbero esserne circa 70 in proporzione con la popolazione. È necessario quindi mettere in campo una poderosa politica del personale, ad iniziare dall'Ufficio di Ragioneria. È mia intenzione bandire un concorso pubblico».

Secondo punto programmatico: «Il Comune deve mettere in campo una seria capacità di progettazione, mettere sul tavolo progetti per intercettare i finanziamenti» - continua il sindaco De Benedittis.

«La città ha bisogno di rifarsi il look con interventi importanti. La rigenerazione urbana, nella direzione di una conversione verde, è una delle grandi parole d'ordine della nostra città che deve tornare ad essere presentabile a partire dall'estramurale che va reso fruibile e compatibile con le varie forme di mobilità, con luoghi di stazionamento e fruizione degli spazi». Da effettuare anche una progettazione del verde pubblico da intendersi non come addobbo urbano ma come infrastruttura. Sul PUG «Partiamo dallo stato dell'arte e senza azzerare ciò che è stato fatto».

«Sulle politiche sociali stiamo lavorando tanto e siamo un Comune capofila che ha abdicato al suo ruolo e ne paghiamo il prezzo delle incombenze. Anche in questo caso va ripresa in mano la situazione e riacquisito il ruolo per l'attuazione di un Piano Sociale di Zona».

Politiche giovanili. «Ai giovani che scappano dobbiamo iniziare a dare prospettive ed opportunità ed inserirli nei processi di sviluppo della città. Per questo ho fissato un giorno a settimana di ricevimento e ascolto».

Piano del commercio. «Al di là della pandemia c'è una oggettiva depressione e Corato deve dotarsi di un Piano del Commercio, favorendo e incentivando le attività economiche e commerciali». Si considera anche un ripensamento della zona industriale a partire dalla viabilità e una serie di interventi infrastrutturali.

Infine, il sindaco pone l'attenzione sul senso di appartenenza della città di Corato ad un territorio ricco e importante come quello del Parco dell'Alta Murgia.

Ore 19.35 - Terzo Punto: Art. 42 - comma 2 lett. M) - D. Lgs. n. 267/2000 - Determinazione indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende e Istituzioni.

Il sindaco dà lettura del dispositivo.

Prende la parola Salerno che solleva la problematica Asipu «rimasta ancora da discutere. Vorrei che l'amministrazione prenda seriamente in considerazione la questione e la metta immediatamente sul tavolo delle discussioni delle commissioni». Ricorda che Asipu ha nelle categorie di intervento l'acquisizione e smaltimento di amianto. «Sono stato testimone di attestazioni di grandi facoltà da parte di questo ente quindi ritengo che l'Asipu possa svolgere attività di multiservizi generalizzata».

Vito Bovino aggiunge: «Non incarichiamo Asipu ad avere più ruoli manageriali. Nelle prime riunioni della Commissione venga illustrato un piano illustrato chiaro di quello che sarà il futuro dell'Asipu».

Il sindaco risponde: «Siamo già impegnati sulla vertenza Asipu. Abbiamo svenduto a Sanb che senza Asipu oggi non esisterebbe, avremmo dovuto battere un po' di più i pugni sulla questione. Abbiamo chiesto di visionare accuratamente la situazione debitoria dell'ente e appena le Commissioni saranno operative esamineremo insieme il dossier e decideremo che futuro dare all'azienda».

23 voti favorevoli.

Ore 19.20 - Secondo Punto: Mozione, ai sensi dell'art. 49 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale, avente ad oggetto: "Localizzazione del deposito nazionale di stoccaggio per le scorie nucleari", presentata, in data 28.01.2021 al prot. n. 4478, dal Sindaco Corrado Nicola De Benedittis, Presidente del Consiglio Valeria Mazzone e dai Consiglieri Gabriele Diaferia, Domenico Pisicchio, Anna Carminetti, Antonella De Benedittis, Nadia Gloria D'Introno, Giuseppe Di Bartolomeo, Vincenzo Mastrodonato, Michele Bovino, Salvatore Mascoli, Vito Bovino, Anna Malcangi, Graziella Valente.

Il sindaco De Benedittis legge la mozione proposta dalla Regione Puglia a tutte le amministrazioni comunali: "Il consiglio comunale impegna il sindaco e l'amministrazione a manifestare in modo fermo e in tutte le sedi opportune assoluta contrarietà al deposito di scorie nucleari nel territorio pugliese; ad prendere parte alla consultazione pubblica presentando osservazioni puntuali e avanzare immediata richiesta di proroga delle consultazioni data l'impossibilità imposta dalla situazione sanitaria".

Mazzone e De Benedittis ringraziano l'assise per aver condiviso e sottoscritto la mozione. Si approva all'unanimità.

Primo punto: Istituzione delle Commissioni Consiliari permanenti - Art. 15 e segg. dello Statuto e Artt. 14 e 15 del Regolamento del Consiglio Comunale. Modifica delibera n. 8 del 31.12.2020. La presidente Mazzone elenca tutti i componenti delle sette Commissioni consigliari. Mascoli farà parte di tutte. Si procede alla votazione per la conferma. All'unanimità si approva con 22 voti favorevoli.

Ore 19.12 - Preliminari conclusi, si procede con la trattazione dell'ordine del giorno.

Ore 19.10 - Sollecitato dalla consigliera Malcangi, il sindaco si rende disponibile a risolvere la questione dell'area sgambamento cani e agli orari di apertura.

Ore 19.08 - Palmieri chiede attenzione sul ripristino del manto stradale in seguito ai lavori di posa della fibra ottica in corso.

Ore 19.05 - Bovino sottolinea la coincidenza che i dati sui contagi arrivino nel giorno del consiglio comunale e ritiene opportuno sollecitare la Asl circa l'aggiornamento più dettagliato e puntuale dei dati sulla situazione epidemiologica in città, con riferimento anche al numero di decessi e ribadisce la necessità di porre attenzione alla sicurezza.

Ore 19.00 - Tambone torna sulla questione scuola. «Il liceo artistico "Federico II Stupor Mundi" e l'IPC "Tandoi" hanno una percentuale molto alta di studenti pendolari provenienti da paesi limitrofi, alcuni aventi livello di contagio nettamente superiore rispetto al nostro. La situazione è molto seria, possiamo contribuire a metterla sotto controllo».

Ore 18.30 - Il sindaco Corrado De Benedittis interviene rasserenando gli animi e rispondendo a tutte le richieste sollevate.
Isola ecologica. «La manutenzione del suolo dell'isola ecologica è ora di competenza della Sanb e non più del Comune e ho già richiesto un intervento di posizionamento dello stabilizzante prima di un intervento di maggior consistenza da concordare in sede di Ufficio Tecnico». Le casette in legno saranno rese disponibili per future attività.

Villa comunale. «Potremmo garantire una apertura fino alle ore 22.00 ma è da concordare con le forze dell'ordine per il presidio e in accordo anche con le risorse finanziarie».

Scuola. In merito al ritorno a scuola degli studenti si dice preoccupato «Non siamo usciti dall'emergenza anche se il trend nella città è in diminuzione». Il sindaco invita infatti alla prudenza circa il ritorno alla didattica in presenza. «Tutte le scuole hanno lavorato per garantire la sicurezza senza risparmiarsi ma non ci sono novità significative sul versante trasporti e pertanto ritengo sia prudente attendere la primavera prima del rientro a scuola». Disponibile ad accogliere la richiesta di Tambone di inviare un documento alla Regione, De Benedittis si dice anche propenso ad una ordinanza sindacale che proroghi la didattica a distanza.

Mercato. In merito alla pulizia dell'area mercatale il sindaco aveva già fatto richiesta alla Sanb di intervenire ma evidenzia il vincolo legato al tipo di contratto che il Comune ha con la Sanb «Con l'istituzione della raccolta differenziata si è ridimensionato il servizio di pulizia delle strade. Ravviserò la necessità di andare ad incentivare la pulizia, facendo i conti con i tanti costi». A tal proposito ribadisce che non c'è stata alcuna decisione da parte dell'amministrazione di aumento delle tariffe Tari che «rientrano di competenza dell'Ager».

Sicurezza. Il sindaco ha incontrato a più riprese il commissario dott. Cozzoli che il comandante della stazione dei Carabinieri e altre personalità che interagiscono sulla questione come il generale Tota e la senatrice Piarulli e il prefetto la dott.ssa Bellomo. «La sicurezza viene garantita non solo dalla presenza fisica delle forze dell'ordine. La stazione dei carabinieri ha avuto anche un rinforzo significativo quindi si garantisce un maggior presidio, anche in virtù degli ultimi episodi di criminalità. Ciò che va rafforzata è l'attività investigativa di intelligence. Specie nelle campagne il territorio va maggiormente presidiato, rafforzeremo il coordinamento con gli istituti di vigilanza privata» le parole del sindaco che si dice preoccupato sulla possibilità che alcune famiglie dedite ad attività non lecite possano associarsi a reti di stampo criminale territoriale. «Non deve passare l'idea che Corato sia una città in balia della criminalità organizzata. C'è controllo, prevalenza delle forze dell'ordine e delle istituzioni e una amministrazione schierata dalla parte della legalità». Il Prefetto di Bari ha garantito la imminente convocazione del Comitato per la sicurezza dell'ordine pubblico. In corso una interlocuzione con Ager per la questione fototrappole, «Il Comune potrà essere ammesso per ulteriori forniture».

Strade. «Mi meraviglio che nessuno sia intervenuto sulle buche stradali». Il sindaco apre una parentesi sulla manutenzione del manto stradale: «È tutto un colabrodo, abbiamo impegnato dei fondi per intervenire sulle emergenze, cerchiamo nel bilancio di previsione di poter disporre di fondi che ci consentiranno di intervenire in maniera strutturale».

Il sindaco, cogliendo le parole di Salerno e Mascoli, ribadisce totale disponibilità all'apertura all'interlocuzione e al confronto.

Ore 18.25 - Di Bartolomeo dispiaciuto per la scelta di Mascoli a cui riconosce ruolo fondamentale per la città. Mascoli replica ribadendo tutto il suo apporto all'amministrazione.

Ore 18.15 - Palmieri (PD) interviene in merito alle richieste di Bovino per quanto riguarda la pulizia nell'area mercatale, e maggiore attenzione per la sicurezza nelle zone di via Santa Caterina e via Savonarola. Sull'uscita dal Pd di Mascoli esprime il suo rammarico per la decisione e aggiunge: «Da parte nostra totale fiducia nella persona di Salvatore Mascoli e non c'è mai stato alcun veto alla sua nomina a capogruppo, in virtù della sua esperienza e del risultato elettorale. Avremmo anche voluto vederlo alla presidenza della Commissione alla Salute e Welfare. Chiediamo però a quali domande attende risposte».

Ore 18.10 - Il consigliere Arsale (Rimettiamo in moto la città) «Dispiace per le sue parole sul mancato coinvolgimento» rivolgendosi a Mascoli che ribadisce la sua apertura al confronto. «La nostra è una amministrazione giovane, che giunge dopo anni di abbandono, in cui l'individualismo non può portare alla risoluzione dei problemi perchè è necessario ad una partecipazione collettiva. Specie in questo periodo di emergenza, se non coesi e collaborativi si potrebbe ritardare il processo risolutivo delle problematiche. Siamo in ritardo sulla costituzione delle Commissioni, spero che da ora in poi venga annullata quella sensazione di marginalità nel consigliere Mascoli. Da commissario Urbanistica e lavori pubblici auspico di concludere questa assise con le indicazioni nelle commissioni e invito il presidente ad accelerare le convocazioni delle commissioni stesse».

Ore 17.55 - Vito Bovino solleva quelle che lui stesso definisce "anomalie". Richiede che si provveda alla pulizia dell'area mercatale prima dello svolgimento del mercato settimanale, su richiesta degli operatori che riscontrano difficoltà nell'allestimento per via delle condizioni di sporcizia. Richiede al sindaco informazioni circa lo stato di sicurezza della città, in merito al tavolo tecnico provinciale annunciato lo scorso novembre e solleva problematiche segnalate nelle zone di Piazza Masaniello e Oberdan. Chiesti chiarimenti sul finanziamento perso sulle fototrappole. Appoggiando la proposta del consigliere Eliseo Tambone, ribadisce la necessità di garantire il diritto allo studio a tutti gli studenti, con particolare attenzione a Ipc "Tandoi" e Liceo "Oriani" ancora prive di un adeguato numero di spazi per lo svolgimento della didattica in presenza, tanto da dover usufruire di altri ambienti esterni.

Ore 17.53 - Disponibile in merito alla proposta di Tambone, Ignazio Salerno si dice meravigliato delle parole di Mascoli, in attesa di vedere sviluppi futuri della sua decisione. Meraviglia espressa anche da parte di Bovino.

Ore 17.50 - Il consigliere Salvatore Mascoli interviene sulla sua scelta di lasciare il Pd e convergere al Gruppo Misto. «Non mi sono sentito coinvolto nei processi decisionali. «La mia è una posizione interlocutoria, aspetto risposte chiare e definite su come essere partecipi ai processi decisionali, sempre costruttivi. Auspico una coesione sociale e una collaborazione di tutti».

Ore 17.45 - Il consigliere Tambone propone la redazione di un documento da inviare all'attenzione del presidente Emiliano affinchè riveda la sua ordinanza sulla scuola e in particolare la possibilità di scelta fra didattica in presenza e Dad. «Ci viene richiesto di garantire due diritti, quello degli studenti di recarsi a scuola e quello degli stessi di restare a casa ma per noi è impossibile e crea evidenti disagi».

Ore 17.38 - Nel suo intervento Anna Malcangi (Sud al Centro) solleva le problematiche circa lo stato in cui vertono le casette in legno all'interno dell'isola ecologica di via Castel del Monte e l'evidente grave stato in cui verte la strada di accesso all'isola ecologica (per metà privata ad uso pubblico). Si richiede inoltre un prolungamento dell'orario di apertura pomeridiana della Villa Comunale di via sant'Elia.

Ore 17.35 - Si procede ad un minuto di silenzio per tutte le vittime del Covid su proposta di Anna Malcangi (Sud al Centro).

Ore 17.30 - Ad appello effettuato risultano 23 i presenti. Assenti il consigliere Gino Perrone per motivi personali e Tarantini per motivi di salute. Inoltre, il presidente del consiglio comunica che il PD ha designato come capogruppo Nadia Gloria D'Introno mentre Salvatore Mascoli aderisce al gruppo Misto.
  • Consiglio Comunale
Altri contenuti a tema
Il Consiglio Comunale torna in aula: si votano anche le nuove tariffe TARI Il Consiglio Comunale torna in aula: si votano anche le nuove tariffe TARI Otto i punti all'ordine del giorno
Il rendiconto di gestione arriva in consiglio comunale Il rendiconto di gestione arriva in consiglio comunale Seduta convocata per il 6 luglio alle 16.30
Prima variazione di bilancio, consiglio comunale convocato d'urgenza Prima variazione di bilancio, consiglio comunale convocato d'urgenza Contestualmente sarà variato anche il piano triennale dei lavori pubblici
1 Il bilancio di previsione, la prima vera occasione per trasformare in arena la sala consiliare Il bilancio di previsione, la prima vera occasione per trasformare in arena la sala consiliare Maggioranza esulta, opposizioni protestano. La grande assente è la commissione
Consiglio Comunale, lavori sospesi. È caos su alcuni atti propedeutici al bilancio Consiglio Comunale, lavori sospesi. È caos su alcuni atti propedeutici al bilancio Lunga sospensione dopo l'insurrezione del centrodestra
Convocato il consiglio comunale per l'approvazione del bilancio di previsione Convocato il consiglio comunale per l'approvazione del bilancio di previsione Si tratta di uno dei passaggi cruciali della vita amministrativa
La seduta del Consiglio Comunale in diretta testuale La seduta del Consiglio Comunale in diretta testuale Tre i punti all'ordine del giorno
Il 30 marzo torna a riunirsi il Consiglio Comunale Il 30 marzo torna a riunirsi il Consiglio Comunale Nella trattazione anche il sottopasso ferroviario di via Trani
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.