I soldi sequestrati dalla Guardia di Finanza
I soldi sequestrati dalla Guardia di Finanza
Cronaca

Fiumi di droga tra la Puglia e l'Abruzzo, 29 arresti. Uno è di Corato

In carcere, per un presunto traffico di stupefacenti, anche il 31enne Francesco Quercia. Sequestrati beni per 2 milioni di euro

Il centro degli affari era Orta Nova, comune in provincia di Foggia, dove il clan Gaeta è da tempo operativo. Ma l'attività del gruppo si espandeva fra le province di Barletta-Andria-Trani, Bari, Teramo e Chieti. Fiumi di droga tra la Puglia e l'Abruzzo. E in carcere è finito un coratino, il 31enne Francesco Quercia, detto «Cuore».

Una presunta organizzazione criminale è stata smantellata oggi nel corso di una operazione della Guardia di Finanza di Bari sfociata nell'esecuzione di 31 misure cautelari emesse dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Rosa Caramia, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Bari: 29 arresti (15 in carcere, 14 ai domiciliari) e due obblighi di dimora. Oltre ai provvedimenti restrittivi è stato attuato il sequestro di beni del valore superiore a 2 milioni di euro.

Per gli inquirenti, il presunto sodalizio aveva una ​«elevata capacità organizzativa», una ​«rilevante disponibilità di mezzi finanziari e strumentali», oltre a disporre di una ​«cassa comune e di una vera e propria contabilità di esercizio». Agli indagati sono contestati i reati di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, oltre a produzione, traffico e detenzione di droga. Tra gli arrestati Andrea Gaeta, 53enne nipote del boss di Orta Nova, Francesco, e imputato per un tentato omicidio.

Le indagini sono iniziate nel maggio 2019 come stralcio di un'altra inchiesta su un gruppo criminale di Bari vecchia. L'organizzazione avrebbe rifornito di droga, in particolare cocaina e hashish, diverse piazze pugliesi e abruzzesi, adoperando «strumenti di comunicazione criptati, mimetizzando le attività illecite nei negozi» e usando «nelle conversazioni un linguaggio allusivo: con "1p" gli indagati indicavano un panetto da 100 grammi di droga, con "una" una cassa da circa 30 chili».

Nei confronti degli indagati sono stati sequestrati 28 terreni agricoli, 7 appartamenti, 900mila euro in contanti, polizze vita, conti correnti e 2 automobili. Le indagini hanno permesso di sequestrare 150 chilogrammi di hashish e 200mila euro in contanti. «La fornitura degli stupefacenti - ha sottolineato il coordinatore dell'Antimafia barese, Francesco Giannella - avveniva da Foggia, mentre lo smistamento delle partite veniva distribuito nelle varie realtà territoriali circostanti».

L'indagine, ha aggiunto Giannella, è partita come «uno stralcio di un'altra attività investigativa su un clan della città vecchia di Bari, il cui principale fornitore era un andriese» che a sua volta si riforniva da Orta Nova. Tre gli acquisti di cocaina avvenuti a Corato da parte dell'indagato Quercia, fra novembre e dicembre 2019.
  • arresti corato
  • Francesco Quercia
Altri contenuti a tema
Estorcevano e rapinavano i passanti del centro storico di Corato: tre arrestati, tutti di Corato Estorcevano e rapinavano i passanti del centro storico di Corato: tre arrestati, tutti di Corato Fondamentale, secondo gli inquirenti, il coraggio delle vittime, che hanno denunciato senza remore
Corato, due arresti: estorsioni e rapine ai danni di privati e commercianti del posto Corato, due arresti: estorsioni e rapine ai danni di privati e commercianti del posto I fatti risalgono al periodo Giugno - Novembre 2021
Simulavano l'acquisto di oro all'estero: 7 arresti. C'è anche un 60enne di Corato Simulavano l'acquisto di oro all'estero: 7 arresti. C'è anche un 60enne di Corato La frode fiscale smascherata dalla Finanza, sequestri per oltre 133 milioni di euro
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.