Fotografia
Fotografia
Arti e Professioni

Il grido d'allarme dei fotografi: «Non riusciremo a superare un anno di blackout»

Scrivono a Conte. Il loro appello raccolto dal presidente della BAT e consiglieri regionali

«Egregio Presidente, siamo molto preoccupati ed allarmati». È il grido disperato degli operatori della fotografia che aderiscono al Fondo Internazione per la Fotografia Video e Comunicazione, l'associazione che rappresenta circa dodicimila tra fotografi, operatori video, grafici, addetti alla comunicazione e laboratori stampa.

L'impossibilità a svolgere eventi e l'incertezza della pianificazione del lavoro ha fortemente penalizzato tutto il comparto non soltanto delle strutture ricettive ma anche di quei professionisti che votano tutta la loro attività allo svolgimento di manifestazioni. Tra essi anche, e soprattutto, fotografi e cineoperatori che hanno preso carta e penna e hanno scritto al presidente del consiglio Giuseppe Conte per manifestare la propria preoccupazione.

«La fase 2, che si preannuncia come una fase di ripresa, resta per il nostro settore assolutamente incerta, soprattutto se si guarda alle vicende internazionali, e agli stati come Cina e Giappone, che hanno visto ripresentarsi il problema, con il ritorno di nuovi focolai. Il nostro settore vede il 90% del fatturato, da commissioni legate al mondo delle cerimonie ed eventi, quali matrimoni, battesimi, comunioni, tutto ciò che attiene l'ambito cerimoniale e ludico, ma anche eventi di promozione del territorio e di diffusione della cultura dell'immagine» scrive la FIOF.

Uno scenario tetro che non vede alcuno spiraglio di luce. «Desideriamo manifestarle il nostro forte impegno al contrasto della pandemia e al rispetto delle norme di sicurezza, ma allo stesso tempo desideriamo sottoporre alla Sua attenzione l'evidente necessità di contenere gli effetti devastanti che questa pandemia sta causando al nostro settore professionale. Le nostre attività, sono state folgorate, ad inizio della stagione annuale lavorativa. Marzo ed aprile, invece di essere l'incipit della nostra professione, hanno visto un improvviso azzeramento del lavoro non solo nell'immediato, ma anche per i mesi a seguire. Questi due mesi hanno segnato le nostre agende lavorative con disdette e posticipazioni a data da destinarsi. Pertanto, non saremo in grado di ripartire prima della prossima stagione, ovvero aprile 2021, dopo la Quaresima. A nulla servirà aprire le nostre attività, se non ad aggiungere altri costi» fanno notare gli aderenti all'associazione.

Le misure emanate dal Governo, sia in ambito socio - sanitario che professionale, non consentono, stando a quanto dichiarato dai professionisti della fotografia, di superare un anno lavorativo di blackout.

Quel che serve, secondo gli operatori della categoria, è un intervento in conto capitale che vada a coprire il sostentamento delle attività, fino alla reale ripresa delle stesse, ovvero aprile 2021.

La ricetta è ben chiara: un contributo a fondo perduto di € 19.000,000 per l'anno in corso o in alternativa un contributo mensile pari a € 1.500,00 per l'anno in corso

«Queste somme serviranno a far fronte alle spese di gestione delle attività, che attualmente sono e resteranno inattive, ovvero: oneri fiscali e contributivi, di pertinenza nazionale e comunale, locazioni, utenze di vario genere, e spese per il sostentamento familiare».

Un grido d'aiuto raccolto anche dal presidente della BAT Bernardo Lodispoto e dal consigliere regionale Filippo Caracciolo che nei giorni scorsi hanno partecipato ad una videoconferenza con alcuni rappresentanti della categoria. Una occasione per intercettare le istanze successivamente sottoposte all'attenzione del governatore Emiliano e dell'assessore al turismo Loredana Capone.

La mancanza di prospettive è ora il vero spettro contro cui combattere. La situazione di incertezza è chiaramente esplicitata nella campagna lanciata dai fotografi: #RiAprirePerFareCosa.

Quando l'attività degli eventi è sospesa e non pianificabile la riapertura degli studi fotografici non ha senso.
  • fotografia
Altri contenuti a tema
Il grido disperato di aiuto dei fotografi: «Sindaco, siamo in crisi. Intervenga!» Il grido disperato di aiuto dei fotografi: «Sindaco, siamo in crisi. Intervenga!» Il settore è in ginocchio da ormai un anno e non ci sono prospettive
"La rivincita delle piccole cose", coratini fra i fotoamatori dell'opera digitale collettiva "La rivincita delle piccole cose", coratini fra i fotoamatori dell'opera digitale collettiva On line il racconto fotografico frutto della call lanciata dall'Associazione Màdő
Anche i fotografi di Corato al sit-in di protesta a Bari Anche i fotografi di Corato al sit-in di protesta a Bari Oltre 200 manifestanti per chiedere sostegno per i comparto in ginocchio
Settore fotografico in ginocchio, il 16 giugno gli operatori scendono in piazza Settore fotografico in ginocchio, il 16 giugno gli operatori scendono in piazza Fotografi, video-operatori, grafici e stampatori a Bari e a Montecitorio per chiedere sostegno economico e garanzie per la ripartenza
«Così combattiamo gli abusivi», i fotografi professionisti si riuniscono in associazione «Così combattiamo gli abusivi», i fotografi professionisti si riuniscono in associazione Lo scopo è diffondere la pratica della fotografia in forma legale
Gli scatti della Settimana Santa coratina in mostra a Bitonto Gli scatti della Settimana Santa coratina in mostra a Bitonto Il racconto in immagini della devozione del nord barese
La Corato del Novecento in mostra all'Oriani: un'iniziativa dei ragazzi del servizio civile La Corato del Novecento in mostra all'Oriani: un'iniziativa dei ragazzi del servizio civile Una mostra fotografica per far rivivere il passato
La memoria storica di un grande secolo attraverso le foto La memoria storica di un grande secolo attraverso le foto Il progetto Pro Loco ripercorre il Novecento
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.