La Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezzi
La Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezzi
Attualità

La Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezzi. Foto

Si va nella direzione della maggiore efficienza nei servizi, del rispetto ambientale e di un minore impatto acustico

Martedì 29 novembre, all'interno degli spazi esterni della scuola "De Gasperi", in via Sant'Elia, a Corato, i rappresentanti della Sanb (servizi ambientali nord barese), società per azioni partecipata da cinque comuni (Terlizzi, Corato, Bitonto, Ruvo di Puglia e Molfetta) che gestisce la raccolta rifiuti, hanno presentato il nuovo parco mezzi per i servizi di igiene ambientale nel corso di un evento con la partecipazione dei rappresentanti istituzionali del territorio.

Un nuovo parco mezzi composto da 9 costipatori, 7 compattatori Scania, 4 spazzatrici, 1 scarrabile, 2 Porter con vasca ed 1 mezzo di raccolta ingombranti. Sono tutti mezzi di ultima generazione con emissioni euro 6 B, nel totale rispetto dell'ambiente con un investimento di 2,7 milioni di euro. Un importante passo in avanti nell'ottimizzazione della raccolta e trasporto dei rifiuti per i cinque comuni soci.

GLI INTERVENTI
Così si è espresso, a margine della presentazione, l'amministratore unico di Sanb Roberto Toscano: «Volevamo lasciare, come abbiamo sempre detto un'impronta che facesse pensare ad un servizio pubblico buono, efficace, di pubblico che sa dare i servizi per la collettività, curando gli interessi generali, riversando nella qualità dei servizi quanto sa fare dal momento in cui è nata.
Volevamo anche dimostrare la bontà sotto il profilo economico dell'operazione e la capacità di realizzare economie di scala e lo abbiamo fatto, ora è il momento di reinvestire nella qualità dei servizi, cioè renderli più efficaci e realizzarli in maniera più sostenibile, in maniera più compatibile con l'esigenza di sicurezza dei lavoratori.
Si tratta - ha quindi concluso Toscano - di un ulteriore step importante, che oggi abbiamo voluto condividere, quello del rinnovamento dei mezzi, un parco mezzi che sta cambiando in maniera radicale e tra non molto arriveranno anche quelli elettrici di piccole dimensioni per i centri storici. Tutto questo è stato possibile grazie ad una squadra coraggiosa ed alla fiducia data dai sindaci dei cinque comuni consorziati».
15 fotoPresentazione del nuovo parco mezzi Sanb
La Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezziLa Sanb ha presentato il suo nuovo parco mezzi
Gli ha quasi fatto eco il direttore generale Salvatore Mastrorillo: «Questo piano di investimenti così corposo nasce per una serie di ragioni: la prima è poter accedere alle migliori tecnologie disponibili sul mercato sia in termini di impatto ambientale che in termini di parametri di efficienza; oggi abbiamo infatti mezzi con emissioni euro 6 B, che comportano un minor consumo di carburante. Fattore che inciderà positivamente nei parametri di efficienza e darà minori costi di manutenzione. Non abbiamo fatto scelte elettriche e di ibrido perché è un settore in forte evoluzione - ha quindi voluto rimarcare Mastrorillo - e questa forte evoluzione tecnologica in atto rischia, per coloro che oggi fanno investimenti di questo genere e di questa portata, di ritrovarsi con mezzi che tra un anno sconteranno delle limitazioni che invece nel prossimo futuro saranno superate. Mi riferisco alle economie, alla necessità di avere una infrastruttura tecnologica per poter alimentare i mezzi elettrici nei cantieri e farli funzionare. Ma da questo punto di vista - è la novità emersa nel corso della conferenza stampa coratina - abbiamo attivato una indagine di mercato per noleggiare piccoli mezzi elettrici che non richiedano un impegno in termini di infrastruttura a supporto e finanziario, per poterli testare e renderci conto della loro operatività e dell'autonomia, fondamentali per il servizio di raccolta nei centri abitati, come vi ha già detto Toscano.
Su questi mezzi - ha quindi sottolineato - oggi sarà possibile verificare tutti i parametri di funzionamento senza la presenza dell'operatore perché saranno tutti interconnessi. Tutti i dati e i parametri saranno inviati ad una piattaforma dove in tempo reale sarà possibile verificare il buon funzionamento del mezzo ed intervenire nell'immediatezza anche in via remota evitando danni e conseguenze negative nella manutenzione. Questa - ha concluso - ritendo sia la novità più rilevante rispetto al recente passato e questa è l'innovazione tecnologica che introduciamo con questa iniziativa».

Soddisfatto per questa nuova operazione che migliorerà non solo la qualità ma anche la rapidità dei servizi anche il sindaco di Corato Corrado De Benedittis: «L'investimento compiuto è significativo e consentirà di efficientare lo svolgimento della raccolta dei rifiuti».
  • SANB
  • raccolta rifiuti
Altri contenuti a tema
Controlli sul conferimento del secco indifferenziato Controlli sul conferimento del secco indifferenziato I controlli dureranno per tutto il mese di febbraio 
SANB, anche a Corato i controlli sul conferimento del secco residuo SANB, anche a Corato i controlli sul conferimento del secco residuo La sanzione per chi non rispetta le regole arriva a 200 euro
Sanb, effettuati i controlli a tappeto sui conferimenti del secco residuo Sanb, effettuati i controlli a tappeto sui conferimenti del secco residuo 12 le sanzioni effettuate Trenta le sanzioni dall'inizio dell'anno
SANB, stasera controlli anche a Corato sul conferimento dell'indifferenziato SANB, stasera controlli anche a Corato sul conferimento dell'indifferenziato Oltre 20 le violazioni riscontrate dall'inizio dell'anno
SANB, stasera ritornano i controlli su tutto il territorio sul conferimento del secco residuo (indifferenziato) SANB, stasera ritornano i controlli su tutto il territorio sul conferimento del secco residuo (indifferenziato) Dieci le sanzioni effettuate la scorsa settimana da 200 euro l una
SANB, effettuati i controlli a tappeto sui conferimenti del secco residuo SANB, effettuati i controlli a tappeto sui conferimenti del secco residuo 10 le sanzioni effettuate La sanzione di euro 200
Sanb, stasera controllo a tappeto sui conferimento del secco residuo (indifferenziato) Sanb, stasera controllo a tappeto sui conferimento del secco residuo (indifferenziato) Probabile aumento della TARI dovuto ai costi di smaltimento in discarica
Oriani per l'Ambiente Oriani per l'Ambiente È proprio il valore della stretta collaborazione tra enti locali e liberi cittadini quello di cui ogni territorio ha bisogno urgente
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.