diritto
diritto
Cronaca

Saltò lo spettacolo ma non rimborsarono i biglietti, la vicenda finisce in tribunale

La denuncia è del Consorzio dei Consumatori per lo spettacolo AIDA che si sarebbe dovuto tenere ad Andria nel 2013

Sono stati citati in giudizio e invitati a presentarsi ieri, davanti al Giudice del Tribunale di Trani, alcuni dei cittadini, tra cui alcuni di Corato, che secondo l'accusa sarebbero stati frodati dalla Events & Travel con i 600 biglietti venduti per lo spettacolo dell'AIDA di Giuseppe Verdi, mai andato in scena perché, a detta della compagnia, «il Palasport non era libero al momento dell'approdo in città della carovana».

Per lo spettacolo, che si sarebbe dovuto tenere il 23 marzo 2013 ad Andria, nessun rimborso da parte della compagnia che, dopo un iniziale silenzio, aveva promesso la rifusione entro trenta giorni. La somma, però, non è giunta agli spettatori che avevano versato l'importo del biglietto tramite bonifico con consegna dei biglietti a mano. Con un rapido sguardo al web numerose risultarono le date dell'Aida annullate per inconvenienti simili a quello: Forlì, Milano e Torino nel 2011, Napoli e Pola (Croazia) nel 2012 ad opera di compagnie dai diversi nomi ma facenti capo alla stessa società produttrice (Events&Travel, Swiss World Opera, Lb-Klassik GmbH).

A denunciare la presunta "truffa" è stato il Consorzio dei Consumatori che ha imputato al Presidente di Produzione Alexander Aberle (al quale sono stati intestati anche i bonifici) l'aver indotto "in errore numerosi cittadini conseguendo indebitamente l'ingente somma complessiva almeno pari a 4.143 euro, relativa alla vendita dei biglietti; artifici e raggiri, consistiti nel pubblicizzare in varie forme con inserzioni sul web, locandine, la rappresentazione dell'opera "AIDA", tra l'altro mai eseguita, facendosi consegnare la somma presso il Cristal Palace Hotel di Andria in data antecedente al 23 marzo 2013".
  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Giustizia svenduta, Scimé: «Non ho mai conosciuto D'Introno» Giustizia svenduta, Scimé: «Non ho mai conosciuto D'Introno» Savasta ha rinunciato all'esame del pubblico ministero
Appalti truccati, chiusa l'indagine. Sotto inchiesta i lavori per la nuova Giovanni XXIII Appalti truccati, chiusa l'indagine. Sotto inchiesta i lavori per la nuova Giovanni XXIII Nove gli indagati tra cui l'ex assessore regionale Filippo Caracciolo
Usura, respinta la richiesta di affidamento ai servizi sociali per D'Introno Usura, respinta la richiesta di affidamento ai servizi sociali per D'Introno L'imprenditore coratino dovrà scontare in carcere la sua pena
Processo Di Vincenzo, quattro condanne in Appello Processo Di Vincenzo, quattro condanne in Appello Ridotte le pene, assolto Piancone
Giudici corrotti, chiesto il processo per 10 imputati Giudici corrotti, chiesto il processo per 10 imputati Si andrà davanti al gip il prossimo 11 settembre
«Il fatto non sussiste», l'ex assessore Roselli assolto dall'accusa di tentata concussione «Il fatto non sussiste», l'ex assessore Roselli assolto dall'accusa di tentata concussione In seguito al procedimento, Roselli si dimise dall'incarico politico
Operazione Pandora, il pm chiede condanne per 91 imputati Operazione Pandora, il pm chiede condanne per 91 imputati Nel processo è coinvolto anche un coratino
Anziana donna trovata morta in casa, il figlio è accusato di omicidio Anziana donna trovata morta in casa, il figlio è accusato di omicidio Il 3 maggio la seconda udienza con l'escussione dei carabinieri e dei soccorritori
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.