Consiglio comunale
Consiglio comunale
Politica

Crisi amministrativa, lunedì nuovo round in consiglio comunale

L'assemblea si riunirà in seconda convocazione e alcuni nodi saranno sciolti inevitabilmente

La decisione di ritirare le dimissioni presentate lo scorso 22 luglio entro il termine ultimo di venti giorni previsto dalla legge ha consentito a Pasquale D'Introno di restare sindaco di Corato. La crisi amministrativa, innescata dalle tribolazioni interne alla maggioranza uscita vincitrice dalle elezioni amministrative, ha portato al forte gesto compiuto dal primo cittadino, chiamato al difficile compito di trovare la quadratura del cerchio. Torna utile perciò riavvolgere il nastro e fare una sintesi di quanto accaduto attraverso gli atti ufficiali e al netto delle diverse, rispettabilissime, posizioni delle parti in causa (e delle forze di minoranza).

D'Introno ha goduto del sostegno di tre liste, in ragione dell'esclusione dei contrassegni (e dei relativi candidati) di Forza Italia e Lega dalla competizione a causa di alcuni vizi di forma. Se l'attribuzione dei seggi alla coalizione vincitrice nella massima assise cittadina ha tenuto conto dell'esclusiva presenza di Direzione Italia, Fratelli d'Italia e Idea, la ripartizione dei sette assessorati tra le forze politiche è divenuta un'autentica palude per il sindaco.

Rassegnate le dimissioni poco prima della riunione di apertura del consiglio comunale, D'Introno ha dovuto prendere atto della mancata elezione, a più riprese, del presidente dell'assemblea, circostanza che ha bloccato, di fatto, gran parte dell'attività amministrativa. Gli appelli al senso di responsabilità rivolti alle segreterie dei partiti non hanno sortito particolari effetti come anche la presentazione, venerdì 26 luglio, di una giunta con cinque assessori, tre dei quali tecnici. L'esclusione dall'esecutivo comunale di Direzione Italia (maggioranza relativa... all'interno della maggioranza) è sembrata allargare ulteriormente le distanze tra i principali interlocutori della crisi.

Il presidente del consiglio non è stato eletto né lunedì 29 luglio né mercoledì 31: Diaferia, candidato della parte della maggioranza più vicina a D'Introno, è rimasto lontano dal quorum necessario. Niente da fare anche giovedì 8 agosto, quando è mancato il numero legale a causa del forfait di quasi tutta la formazione consiliare di Direzione Italia (presente solo il capogruppo Tatò). Degna di nota l'adesione di Cosimo Zitoli, eletto in Fratelli d'Italia, a Forza Italia che ha così guadagnato rappresentatività in consiglio.

Il parere tecnico fornito dal ministero degli interni riguardo la possibilità di procedere coi lavori e la discussione di altri temi (compresi quelli relativi al bilancio) pur senza eleggere il presidente ma sotto la guida del consigliere anziano induce a ritenere che sia indispensabile trovare un accordo entro lunedì 12, quando l'assemblea tornerà a riunirsi in seconda convocazione, senza aver bisogno del numero legale, per consentire la prosecuzione dell'ordine del giorno. A quel punto, si comprenderà se tra il sindaco e Direzione Italia sarà guerra aperta o, al contrario, se non proprio la pace, quantomeno siglato un armistizio. Qualche nodo, inevitabilmente, sarà sciolto.
  • Consiglio Comunale
  • Pasquale D'Introno
Altri contenuti a tema
D'Introno scatenato, dal palco i retroscena della più grave crisi amministrativa di Corato D'Introno scatenato, dal palco i retroscena della più grave crisi amministrativa di Corato In quaranta minuti l'ex sindaco racconta la sua verita. IL VIDEO
Pasquale D'Introno: «Ora parlo io» Pasquale D'Introno: «Ora parlo io» L'ex sindaco terrà un pubblico incontro
Pasquale D'Introno: «A testa alta» Pasquale D'Introno: «A testa alta» Il post social del primo cittadino
Convocato per la nona volta il consiglio comunale Convocato per la nona volta il consiglio comunale L'ordine del giorno non cambia
Il consiglio comunale è ancora paralizzato Il consiglio comunale è ancora paralizzato Oltre tre ore di dibattito ma nulla è cambiato
Longo, Lenoci, Bovino e Michele Bovino: ci presentiamo in consiglio solo per il bene della città Longo, Lenoci, Bovino e Michele Bovino: ci presentiamo in consiglio solo per il bene della città I quattro consiglieri dell’opposizione ascolteranno la ratifica dei Revisori dei Conti
Consiglio comunale, manca il numero legale. La seduta è sciolta Consiglio comunale, manca il numero legale. La seduta è sciolta A partire dalle 18 minuto per minuto la riunione dell'assise cittadina
Bovino, Lenoci e Longo: «Voteremo i revisori ma nessun salto della quaglia» Bovino, Lenoci e Longo: «Voteremo i revisori ma nessun salto della quaglia» Il chiarimento dei quattro consiglieri di opposizione
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.