Dehor
Dehor
Vita di Città

Esercenti smontano i dehors, «Sarà un'estate difficile»

Disagio pressoché unanime alla luce del nuovo regolamento

«Sarà un'estate molto difficile per le nostre attività. Speriamo di non dover rinunciare a nessuno dei nostri collaboratori».

È un'affermazione dura ma al contempo specchio del disagio che molti degli esercenti cittadini stanno attraversando. L'estate è alle porte e, insolitamente, anziché vedere operai al lavoro per allestire gazebo e dehors, vediamo lavoratori intenti a smontare le strutture.

Il nuovo regolamento comunale per l'installazione dei dehors, approvato dal commissario prefettizio, impone alcune sostanziali modifiche delle strutture solitamente utilizzate dagli esercenti e anche gli spazi a disposizione sono stati delimitati ad un massimo di 40metri quadrati nell'esterno.

Le richieste di installazione di strutture temporanee esterne alle attività giacciono ancora sulle scrivanie; le attività ancora non sanno come organizzarsi e iniziano a respingere le prime richieste di prenotazioni.

«Anche quest'anno siamo in bilico: non avendo ancora ricevuto le autorizzazioni all'allestimento esterno non abbiamo potuto fare le scorte in anticipo, con un danno economico legato all'acquisto della merce a prezzi di ingrosso. Inoltre non abbiamo potuto assicurare il servizio a quei grandi gruppi che, in vista della chiusura delle attività per il periodo estivo, si organizzano per le cene di "fine anno"».

Gli esercenti sono spaesati e preoccupati. «Rischiamo di vedere dimezzato il nostro fatturato estivo a causa delle limitazioni del nuovo piano dei dehors» lamentano alcuni.

Altri, sulla scorta di quanto accaduto ad Ostuni, dove i candidati alla carica di sindaco hanno preso l'iniziativa di andare personalmente a discutere con il commissario prefettizio di una più morbida applicazione del regolamento, invocano l'interessamento dei candidati sindaci già prima delle elezioni.

Il rischio autentico è quello di vedere le attività non in grado di poter rispondere alle richieste della clientela che, nel periodo estivo, viene anche dall'estero. Sperando di non vedere serrande addirittura chiuse.
  • Commercio
Altri contenuti a tema
Nuovo look per il supermercato DOK di viale Vittorio Veneto Nuovo look per il supermercato DOK di viale Vittorio Veneto Domani la riapertura dopo il restyling
«Un centro commerciale diffuso in città»: parte il Distretto Urbano del Commercio «Un centro commerciale diffuso in città»: parte il Distretto Urbano del Commercio Il territorio di influenza del D.U.C. di Corato coincide con l’area contenuta dalla corona dell’Extramurale
Negozi aperti anche la domenica? L'opinione pubblica si divide Negozi aperti anche la domenica? L'opinione pubblica si divide Associazioni di categoria in contrasto
La Fiera di Settembre torna in centro La Fiera di Settembre torna in centro Si ripete l'esperienza della fiera di San Cataldo
Fiera di San Cataldo in centro, il plauso delle associazioni di categoria Fiera di San Cataldo in centro, il plauso delle associazioni di categoria Una nota di Unibat - CasAmbulanti
Ennesima rapina sulla Corato - Altamura, CasAmbulanti protesta Ennesima rapina sulla Corato - Altamura, CasAmbulanti protesta Montaruli: «Le istituzioni non ci sono vicine»
Negozi in zona industriale e all'Oasi, c'è l'ok del Consiglio Comunale Negozi in zona industriale e all'Oasi, c'è l'ok del Consiglio Comunale Nasce anche il Distretto Urbano del Commercio
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.