Un momento della cerimonia di inaugurazione
Un momento della cerimonia di inaugurazione
Associazioni

Inaugurato il Centro socio-educativo Dafne

Nuova iniziativa della cooperativa Eos di Gravina, già presente in città con la Comunità educativa integrata "Iside"

È stata inaugurata venerdì 30 settembre, alla presenza del Sindaco Corrado De Benedittis, la sede del Centro socio-educativo "Dafne" a Corato. La nuova realtà, gestita dalla cooperativa sociale Eos di Gravina in Puglia, è ubicata in via Santa Lucia, 4.

La cooperativa Eos è nata nel 2010. Eos dea dell'Aurora, Annunciatrice dell'Alba, era la Dea che dischiudeva le porte al Giorno. La figura di Eos è stata scelta per rappresentare il nostro principale intento, ossia porci come supporto del minore e prepararlo ad affrontare un nuovo "giorno". Un'espressione della cittadinanza attiva di un gruppo di giovani, motivati a svolgere il proprio lavoro in aiuto dei più deboli e ad impegnarsi in prima persona per far crescere la qualità della vita sociale, partendo proprio dalla scelta condivisa di stringere un "patto sociale cooperativo".

Eos è già presente sul territorio coratino da aprile 2021, con l'attivazione della Comunità educativa integrata "Iside", che accoglie 12 minori in regime residenziale, nata con due obiettivi fondamentali: il primo, prettamente sociale, di promuovere un modello di riabilitazione dal volto umano, facilitando l'accesso alla cura psicoterapeutica e psico-riabilitativa anche alle fasce meno abbienti.; il secondo, di tipo clinico/scientifico, consiste nello svolgimento di un puntuale programma di ricerca, incentrato sull'applicazione di un modello di cura multidisciplinare, che aiuti il paziente a ristrutturare la propria individualità per divenire cittadino attivo e responsabile nella società in cui vive.

Il Centro socio-educativo "Dafne" è una struttura di prevenzione e recupero aperta a tutti i minori che, attraverso la realizzazione di un programma di attività e servizi socio-educativi, culturali, ricreativi e sportivi, mira in particolare al recupero dei minori con problemi di socializzazione o esposti al rischio di emarginazione e di devianza. "Dafne" rivolge la propria attività alla totalità dei minori residenti nel territorio di riferimento e nei comuni limitrofi, al fine di promuoverne l'integrazione sociale e culturale. Per ognuno dei minori accolti è garantito il servizio navetta messo a disposizione dal centro diurno.

Il centro offre sostegno, accompagnamento e supporto alle famiglie ed opera in stretto collegamento con i servizi sociali di Ambito e con le istituzioni scolastiche, nonché con i servizi delle comunità educative e delle comunità di pronta accoglienza per minori. La struttura si colloca nella rete dei servizi sociali territoriali, e si caratterizza per l'offerta di una pluralità di attività ed interventi che prevedono lo svolgimento di funzioni quali l'ascolto, il sostegno alla crescita, l'accompagnamento, l'orientamento. Assicura supporti educativi nelle attività scolastiche ed extrascolastiche. Offre sostegno e supporto alle famiglie.
Si caratterizza per la flessibilità di tempi e orari, per la personalizzazione dell'intervento, nel rispetto delle scelte educative rivolte al minore, per l'innovazione e la qualità del servizio offerto.

"Dafne" si basa su una progettazione che mira a potenziare una serie di servizi assistenziali e al tempo stesso a governarli in termini di sistema e di connessione, che significa: più interscambio, più condivisione delle esperienze, più apertura al territorio, più contatti tra il personale, pur all'interno di una generale divisione dei ruoli, dei gruppi di intervento, delle assistenze ad hoc. Tutto ciò è, peraltro, connesso alla evoluzione e configurazione dell'impianto di politiche sociali territoriali, avviato in seguito alla riforma promossa dalla legge regionale 10 Luglio 2006 per l'avvio di un sistema integrato di servizi e interventi socio-sanitari.

Il progetto vuole dare continuità alla valorizzazione di un sistema di protezione e promozione dei diritti dei minori, inclusi anche i minori disabili e quelli a maggior rischio sociale, che passa attraverso il doppio livello della organizzazione e della relazione: organizzazione intesa come logistica e relazione intesa come attenzione e promozione di pratiche educative individuali.

All'interno del centro si conduce un'esperienza di vita in un ambiente affettivamente ricco e in grado di consentire legami significativi e duraturi. L'approccio educativo mira alla creazione di un ambiente pieno di stimoli necessari allo sviluppo psicologico, relazionale e sociale del minore, nonché alla promozione dell'integrazione del centro educativo nel contesto sociale. Il centro socio-educativo "Dafne" garantisce per ciascun utente le seguenti prestazioni/attività: sostegno scolastico, laboratorio di lettura partecipata, laboratorio di pittura, laboratorio di manipolazione della creta, laboratorio di teatro-terapia, laboratorio di psicomotricità, attività sportive e tanto altro. Gli spazi del tempo libero sono occupati da attività scelte autonomamente dai ragazzi, previo accordo con gli educatori, e sono svolte sia in gruppo che individualmente (sport, gite, giochi, musica, ecc…).

Dal giorno dell'apertura, concomitante con l'inizio delle attività didattiche a scuola, si è registrata al Centro "Dafne" una partecipazione massiva, unanime, di tutti gli utenti iscritti, che stanno partecipando con grande motivazione ed entusiasmo a tutte le attività proposte, ai giochi e si stanno impegnando anche nello svolgimento dei "compiti a casa".
  • Comune di Corato
  • Cooperativa sociale Eos
  • Cooperativa Eos
  • Centro socio-educativo Dafne
Altri contenuti a tema
Natale, da Palazzo di Città replica a Corato connect: «Dichiarazioni che non corrispondono al vero» Natale, da Palazzo di Città replica a Corato connect: «Dichiarazioni che non corrispondono al vero» «Il contributo offerto dal Comune era pari all'80% della spesa da sostenere»
Corato in marcia contro la violenza. Foto Corato in marcia contro la violenza. Foto Significativa partecipazione di scolaresche e associazioni
L'amministrazione: «Abbiamo salvato l'Asipu» L'amministrazione: «Abbiamo salvato l'Asipu» De Benedittis ringrazia la maggioranza. Nessun accenno al Pd
Nuove essenze per le strade coratine Nuove essenze per le strade coratine Pronti alla piantumazione oltre 80 alberi. La gratitudine dell'amministrazione verso i donatori
Il Comune ottiene 5 milioni per la costruzione di un asilo nido Il Comune ottiene 5 milioni per la costruzione di un asilo nido Lo ha comunicato il ministero dell'istruzione
Stagione teatrale del Comune, il programma completo Stagione teatrale del Comune, il programma completo "La grammatica delle abitudini" è il titolo scelto per gli eventi di prosa, danza e musica
Piano industriale Asipu all'esame del prossimo consiglio comunale Piano industriale Asipu all'esame del prossimo consiglio comunale Martedì sarà discussa anche la mozione sull'area sosta per i caravan presentata da Nadia D'Introno
“Insieme in marcia contro la violenza” “Insieme in marcia contro la violenza” Mercoledì 30 novembre manifestazioni in contemporanea a Corato, Ruvo di Puglia e Terlizzi
© 2016-2022 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.