Corte di Cassazione
Corte di Cassazione
Cronaca

Incarichi al Comune, anche la Cassazione condanna l'ex sindaco Perrone: «Fu danno erariale»

Inammissibile il ricorso presentato dal suo legale Francesco Mascoli

Lo aveva detto già la terza sezione giurisdizionale centrale di appello della Corte dei Conti e lo ha confermato anche la Cassazione: il contratto che inquadrava l'attività lavorativa della dottoressa Maria Fiore nel Comune di Corato ha prodotto un danno erariale di cui l'ex sindaco Luigi Perrone è responsabile.

L'ordinanza della sezione unica presieduta dal giudice Francesco Tirelli ha infatti rigettato il ricorso presentato dall'ex sindaco Luigi Perrone, difeso dall'avvocato Francesco Mascoli, contro la sentenza che lo condannava a risarcire il Comune di Corato del danno erariale provocato.

Il legale di Perrone aveva sollevato l'eccezione di una violazione dei "limiti esterni" della giurisdizione del giudice contabile per "sconfinamento" nell'area riservata all'amministrazione e lamentava il superamento da parte del giudice della "insindacabilità nel merito delle scelte discrezionali". In particolare si faceva riferimento al fatto che l'allora sindaco avesse agito per un verso con il parere favorevole degli uffici e per l'altro verso avesse agito secondo una scelta di natura discrezionale e "politica" e pertanto insindacabile.

La Cassazione ha rilevato che «Il giudice contabile non viola i limiti esterni della propria giurisdizione qualora censuri, non già la scelta amministrativa adottata, bensì il modo con il quale quest'ultima è stata attuata, profilo che esula dalla discrezionalità amministrativa, dovendo l'agire amministrativo comunque ispirarsi a criteri di economicità ed efficacia».

La Corte ha dunque dichiarato inammissibile il ricorso e condannato Perrone al pagamento del danno, per quanto di sua competenza.

Il procedimento, infatti, coinvolse anche l'allora segretario generale del Comune Luigi D'Introno che ha scelto di non ricorre in Cassazione e rifondere il Comune per quanto di sua competenza.

Il danno ammonta a circa 60mila euro, per fatti risalenti al periodo 2018 - 2012. Allora la dottoressa Maria Fiore fu nominata nello staff dell'ex sindaco Perrone come consulente in materia di servizi demografici, appalti, contrattualità, contenzioso, con un contratto di collaborazione coordinata e continuativa, anziché con un contratto a tempo determinato, e con compensi ben superiori a quelli parametrati dal contratto collettivo nazionale per i lavoratori degli enti locali.

L'aver provveduto al pagamento di quanto dovuto al Comune di Corato consente all'ex sindaco Perrone, attualmente consigliere comunale di opposizione, di non incorrere in alcuna incompatibilità con il suo ruolo in seno alla massima assise cittadina, benché sin dal suo insediamento sia sempre risultato assente.
  • Comune di Corato
Altri contenuti a tema
Partecipazione e vita politica, domani dibattito in diretta su CoratoViva Partecipazione e vita politica, domani dibattito in diretta su CoratoViva Ospiti di Giuseppe Di Bisceglie i rappresentanti di maggioranza e opposizione
Animazione sociale e valorizzazione spazi urbani, il Comune presenta “Sciucuà” Animazione sociale e valorizzazione spazi urbani, il Comune presenta “Sciucuà” Il progetto prevede attività per bambini e ragazzi. Come aderire
Poche imprese coratine iscritte al MePA, il sindaco invita all'iscrizione Poche imprese coratine iscritte al MePA, il sindaco invita all'iscrizione È necessario per gli affidamenti diretti
App Municipium, possibile l'inserimento tra i punti di interesse di negozi e ristoranti App Municipium, possibile l'inserimento tra i punti di interesse di negozi e ristoranti Ecco come fare
Comune smart, istituito l'ufficio per la transizione digitale Comune smart, istituito l'ufficio per la transizione digitale Da subito operativo, così come stabilito dalla giunta comunale
Bilancio comunale, il centrodestra ricorre alla giustizia amministrativa Bilancio comunale, il centrodestra ricorre alla giustizia amministrativa L'udc non firma il ricorso
Stop alle code: la carta di identità si richiede soltanto al telefono Stop alle code: la carta di identità si richiede soltanto al telefono Le nuove disposizioni per evitare code ed assembramenti
Questionario di Qualità dei servizi resi dagli Uffici Comunali di Corato Questionario di Qualità dei servizi resi dagli Uffici Comunali di Corato Tutti i cittadini possono aderire all'indagine in forma anonima
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.