Onda d'Urto
Onda d'Urto
Associazioni

La nuova Onda d'urto si presenta: «Ecco il perché del nostro impegno»

In cantiere tre iniziative a breve scadenza

Chi sceglie di dedicarsi al volontariato, di impegnarsi a favore di chi vive situazioni di bisogno, di spendersi in prima persona lavorando attivamente nelle associazioni, molto spesso lega la sua scelta a circostanze vissute in prima persona.

A confermare questa teoria è la storia di alcuni dei nuovi componenti del direttivo dell'associazione "Onda d'Urto - Uniti contro il cancro" che hanno scelto di presentarsi alla città. Lo hanno fatto nella sala verde del Comune, luogo non soltanto di rappresentanza ma che sancisce un importante impegno con la città. Lo hanno fatto nel giorno in cui si celebra la mamma, con l'evento "Cuore di mamma".

Nel nuovo direttivo di Onda d'Urto ci sono diversi medici: Franco Antuofermo, che ricopre il ruolo di presidente, Giancarlo Torelli, Luigi Di Bisceglie. Tutti loro, insieme alla dott.ssa Ivana Pomodoro, quotidianamente sono accanto a chi soffre e conoscono perfettamente il valore della prevenzione come primo vero deterrente contro qualsiasi malattia.
Perché scegliere, dunque, di voler essere operativi anche all'interno dell'associazione? «L'urgenza di una sana prevenzione mi ha colpito da tempo. Ho deciso di impegnarmi per fare meglio e di più» ha spiegato alla folta platea Antuofermo.

Giancarlo Torelli, attualmente medico di famiglia, ha trascorso buona parte della sua attività professionale nelle corsie del pronto soccorso. Torelli ha raccontato di quella volta in cui, impegnato a visitare una persona rimasta coinvolta in un grave incidente stradale, sottopose il paziente ad una tac. L'uomo era uscito illeso da quell'automobile ridotta a un catorcio ma quella tac fece scoprire la presenza di una massa tumorale vicino ai polmoni: quell'incidente, paradossalmente, gli aveva salvato la vita. Da questa esperienza il dottor Torelli ha deciso di lasciarsi coinvolgere nelle sfide di onda d'urto.

Per la dottoressa Pomodoro la motivazione è stata la consapevolezza che una sana alimentazione in un malato oncologico è fondamentale per rendere meno invasivi gli effetti collaterali delle terapia.
Molto appassionata infine la relazione del dott. Luigi di Bisceglie sull'osteoporosi e la sarcopenia.

Il nuovo direttivo ha da subito annunciato le prime tre iniziative per la città.

«La prima interessa il nostro amore per l'ambiente e la mobilità sostenibile e contro l'inquinamento. Per domenica 30 giugno nel tardo pomeriggio abbiamo pensato di organizzare una biciclettata della salute che abbiamo chiamato "chi si ama ci segua". Andremo dopo aver attraversato il nostro centro storico verso il depuratore e la abbiamo pensato di fare un simpatico flash mob. Chi vuole aiutar in questa esperienza è il benvenuto. Soprattutto le associazioni impegnate nelle tematiche ambientali e gli appassionati di biciclette. a breve ci sarà una nostra locandina con l'evento» comunicano dall'associazione.

« La seconda iniziativa è ormai un appuntamento atteso da tanti coratini. Siamo arrivati alla quarta edizione della "Giornata della prevenzione" che si svolgerà il 21 22 settembre 2019 alla villa comunale. Saranno tantissimi gli screening disponibile e stiamo cercando di coprire il maggior numero di visite specialistiche. Per tempo vi comunicheremo i giorni dei nostri banchetti per le prenotazioni» continuano.

«Per ultimo abbiamo chiesto alla nostra cara consigliera la dottoressa Pomodoro di dedicare una piccola rubrica settimanale sulla bellezza di una sana alimentazione sulla nostra pagina Facebook.
Ne approfittiamo per ringraziare Don Sergio e la parrocchia di Santa Maria Geca per la disponibilità ad accoglierci come associazione presso il plesso parrocchiale di via Lionello: il lunedì, mercoledì e giovedì dalle 18 alle 20 30 saremo disponibili per incontrare i tesserati e simpatizzanti alle nostre battaglie culturali e sociali».

E concludono: «Con la nuova amministrazione comunale continuerà il nostro dialogo per rendere concreto il profilo della salute cittadino ( il profilo della salute è una "descrizione qualitativa e quantitativa delle prospettive positive di salute, ma anche dei fattori negativi di criticità e/o di danno, finalizzata a funzioni di informazione, e comunicazione partecipata in vista di una iniziale selezione di priorità".) e il registro dei tumori, ormai legge. Confidiamo di riprendere il dialogo con l'associazione medico scientifica coratina perché crediamo che il loro sostegno sia necessario e urgente»
  • Onda d'Urto
Altri contenuti a tema
Onda d'Urto apre una finestra sul mondo delle mamme Onda d'Urto apre una finestra sul mondo delle mamme Un pubblico incontro per riflettere sul tema
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.