penna
penna
Scuola e Lavoro

La preside ai suoi studenti: "La paura si combatte con le idee e le passioni"

L'accorata lettera della dirigente Loiudice ai ragazzi della sua scuola

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Parole materne, di chi accompagna tanti ragazzi nel percorso della crescita, formandoli ad essere cittadini di domani. Sono le parole della preside del Liceo Scientifico di Ruvo di Puglia Domenica Loiudice, scritte in una lettera i cui destinatari sono gli studenti della sua scuola. Un invito a non mollare, a non avere paura, a dare valore a questa pausa forzata e a valutare le criticità di questi momenti come una opportunità di crescita. Una lettera aperta discreta ma al contempo piena di significato, alla quale concediamo volentieri il nostro spazio.

"La creatività nasce dall'angoscia, come il giorno nasce dalle notte oscura. E' nella crisi che nascono l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie.
Chi supera la crisi, supera se stesso senza essere superato". A. Einstein


Carissimi ragazzi,
immersa in questa lentezza strana, in questi silenzi surreali che avvolgono i corridoi del nostro Liceo il mio pensiero è a voi.
In questo tempo sospeso che ci coglie impreparati, increduli e incapaci di risposte il mio pensiero è a voi che, per la prima volta nella vostra vita, state sperimentando la crisi di una collettività, di una nazione impegnata ad attraversare un momento estremamente impegnativo e difficile.

"Senza imprudenze ma senza allarmismi, possiamo e dobbiamo aver fiducia nelle capacità e nelle risorse di cui disponiamo" ci ha esortati il nostro Presidente Sergio Mattarella.
Nella vita ci sono momenti di crisi e di sofferenza che bisogna saper affrontare perché al tempo stesso offrono l'opportunità di conoscere e, quindi, di cambiare e di evolvere. La crisi, infatti, intesa nel suo senso letterale, come cambiamento improvviso, ci ha costretti come scuola a ripensare alle nostre lezioni adottando le nuove tecnologie, così vicine a voi nativi digitali, per la didattica a distanza.

La crisi sta offrendo alla nostra scuola l'opportunità di entrare nel terzo millennio, ponendoci nuove sfide, nuovi traguardi da raggiungere con l'umiltà di formarci per apprendere e studiare strumenti didattici innovativi, sebbene sia profondamente convinta che la didattica debba fondarsi essenzialmente sulle relazioni e sull'empatia. Insegnare, infatti, non significa "buttare dentro", caricare materiali su una piattaforma, trasmettere nozioni, ma significa essenzialmente "tirar fuori", far partorire curiosità, accendere idee e passioni, innescare domande, far nascere dubbi. E questo può avvenire solo in classe, tra i banchi di scuola, nei corridoi, con la cura dello sguardo e di uno scambio emotivo.
La distanza fisica, allora, deve divenire per noi nuova opportunità di avvicinamento in una comunicazione costruttiva: l'emergenza che stiamo vivendo può tradursi per voi studenti, ma anche per noi adulti, in un'occasione preziosa per apprendere una grande lezione, quella del rispetto delle regole, dell'assunzione della responsabilità individuale che è fondamentale per la convivenza civile!
Vi invito a non vivere le situazioni incerte come se non vi riguardassero, ma ad assumere comportamenti corretti che abbiano cura e rispetto delle fasce più deboli, degli anziani, di coloro che scatenano di più la nostra indifferenza: tutti siamo chiamati alla responsabilità collettiva. Questa è la grande vera rivoluzione civile che dovete e dobbiamo attuare, questa la più grande lezione di cittadinanza che dobbiamo apprendere in questi giorni di emergenza sanitaria.
Questo si traduce per voi nel comprendere che questo tempo sospeso non deve essere vissuto come un tempo vuoto, una vacanza, trascinati dall'euforia di ritrovarvi insieme, in luoghi chiusi, affollando bar e luoghi di ritrovo. Piuttosto deve insegnarvi a dare valore e senso al tempo, a coltivarlo, leggendo, studiando, imparando, appassionandovi.
Senza paura, senza allarmismi, perché la paura si combatte con le idee e le passioni.
Vi lascio con le parole del grande fisico e professore universitario Orazio Tedone a cui il nostro Liceo è dedicato:

"Dopo aver adempiuto scrupolosamente ai tuoi doveri
nel tempo che ti avanzerà, e te ne potrà avanzare
se sarai di buona volontà,
leggi qualche libro, studia,
impara sempre quello che puoi
quanto più puoi.
Il giorno più bello della mia vita sarà quello in cui io potrò salutarti di assai migliore di me"


La vostra Preside Prof.ssa Domenica Loiudice
  • scuola
Altri contenuti a tema
Al Comune di Corato 230mila euro per interventi di edilizia scolastica Al Comune di Corato 230mila euro per interventi di edilizia scolastica Per adeguamento di spazi e aule in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19
La maturità di Alessio, una conquista di determinazione. «Ha sfidato il Covid con noi» La maturità di Alessio, una conquista di determinazione. «Ha sfidato il Covid con noi» Ospite della comunità riabilitativa psichiatrica ha raggiunto l'ambito traguardo
Anno scolastico 2020/2021, approvato il calendario della Regione Puglia Anno scolastico 2020/2021, approvato il calendario della Regione Puglia Si comincia il 24 settembre e si finisce l'11 giugno
L'anno scolastico partirà il 24 settembre. "Ma servono certezze" L'anno scolastico partirà il 24 settembre. "Ma servono certezze" Ok da sindacato e assessorato
Il 14 settembre si torna a scuola, addio a classi pollaio Il 14 settembre si torna a scuola, addio a classi pollaio Annunciate le linee guida per la ripresa. Azzolina «Sopralluoghi negli istituti di tutta Italia»
In bicicletta esplorando Corato. Un compito scolastico diventa un bel documentario della città In bicicletta esplorando Corato. Un compito scolastico diventa un bel documentario della città L'esperienza di alcuni piccoli studenti della scuola media Santarella
1 Manutenzione strade, Schettini: «Criticità evidenti, si cercano risorse» Manutenzione strade, Schettini: «Criticità evidenti, si cercano risorse» Il Commissario Straordinario replica alla sen. Piarulli. «Finanziati lavori per l'edilizia scolastica»
Scuola, Abbacchio: «Ripartenza delle attività nel benessere dei minori» Scuola, Abbacchio: «Ripartenza delle attività nel benessere dei minori» Il Coordinamento dei Garanti Regionali dell’Infanzia e dell’Adolescenza scrive al Governo nazionale
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.