Olio di oliva
Olio di oliva
Economia

Onu e Oms contro olio Evo e made in Italy: una bufala, ma non troppo

La lettura del rapporto ridimensiona le accuse. Ma resta il pericolo

Olio extra vergine d'oliva e prodotti made in Italy sotto l'attacco delle Nazioni Unite e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità? È falso, ma non completamente.
È una visione decisamente ridimensionata quella che emerge da una più approfondita lettura del rapporto "Time to deliver", pubblicato il primo giugno scorso dall'OMS e che sarà discusso il 27 settembre prossimo a New York, anche se non porterà ad adottare alcuna risoluzione. L'allarme era stato lanciato nelle scorse dal Sole24ore, suscitando l'ira e lo sdegno del Governo italiano e delle principali associazioni di categoria.

Ma cosa dice davvero il rapporto? All'interno del documento sono elencate sei linee guida per contrastare le malattie non trasmissibili, come le cardiovascolari, il diabete e il cancro. Un obiettivo da raggiungere riducendo, fra le altre cose, i livelli elevati di grassi saturi, di sale e di zucchero nei cibi. Non è vero però che l'OMS abbia chiesto nel rapporto di inserire avvisi di pericolo sulle confezioni come quelle che appaiono sui pacchetti di sigarette.

Nel testo del report, però, si chiede di «implement fiscal measures, including raising taxes on tobacco and alcohol, and consider evidence-based fiscal measures for other unhealthy products» e cioè di «implementare misure fiscali, compreso l'aumento delle tasse su tabacco e alcol, e considerare misure fiscali per altri prodotti non salutari». Il problema è che non specifica quali siano questi prodotti e se l'olio e il parmigiano non sono espressamente citati, non è escluso che in futuro possano essere definiti. Ecco perché non bisogna abbassare la guardia.

Anche perchè, più avanti, si dice espressamente che «Governments should give priority to restricting the marketing of unhealthy products (those containing excessive amounts of sugars, sodium, saturated fats and trans fats) to children», ovvero che «i governi dovrebbero avviare un giro di vite sui prodotti eccessivamente salati, zuccherati e con grassi saturi e trans, rivolti ai bambini».

Un rischio del tutto concreto è invece il suggerimento a inserire sulle etichette dei prodotti una specie di "legenda a semaforo", già introdotta in Inghilterra e Francia, che punta a scoraggiare il consumo di cibi con elevati livelli (senza definire in realtà quali siano) di sale e grassi. Questo infatti penalizzerebbe di certo l'olio extravergine d'oliva (in quanto prodotto che contiene "grassi", ma senza specificare quali tipi di grassi e in quali quantità), che riceverebbe il semaforo rosso, mentre, paradossalmente, premierebbe la Coca Cola Light col semaforo verde, perché ha ridotto le calorie sostituendo lo zucchero con gli edulcoranti. Dimenticando però clamorosamente i pericolosissimi effetti sulla salute che questi generano, oltre al fatto che non mettono in alcun modo al riparo dal rischio diabetico.

  • Olio extravergine di oliva
Altri contenuti a tema
Dal 4 Agosto all'1 Settembre 2018 torna “Sogni nelle notti di mezza estate" Dal 4 Agosto all'1 Settembre 2018 torna “Sogni nelle notti di mezza estate" Giunto alla sua XIV^ edizione, l'iniziativa è de "La Strada dell’Olio Extravergine Castel del Monte"
Una foto per esaltare l'olio EVO: al via "Scatti d'Olio" Una foto per esaltare l'olio EVO: al via "Scatti d'Olio" Tutto ciò che c'è da sapere per partecipare al concorso fotografico
«Invasione di olio tunisino», Coldiretti Puglia annuncia mobilitazioni «Invasione di olio tunisino», Coldiretti Puglia annuncia mobilitazioni L'associazione di categoria contesta l'ipotesi di rinnovo della concessione a dazio zero
Attacco di ONU e OMS all’olio EVO: «Dannoso come fumo» Attacco di ONU e OMS all’olio EVO: «Dannoso come fumo» Governo e CNO: «Pura pazzia per giustificare nuove tasse al made in Italy»
Olio Italico, Loiodice: «È il tramonto definitivo del made in Italy» Olio Italico, Loiodice: «È il tramonto definitivo del made in Italy» Dura posizione del presidente UNAPOL Tommaso Loiodice
CNO attacca l'accordo tra Coldiretti e Federolio: «Svendono l'olio pugliese» CNO attacca l'accordo tra Coldiretti e Federolio: «Svendono l'olio pugliese» Duro il presidente Gennaro Sicolo
Olio pugliese in due bottiglie su tre. Storica intesa sottoscritta da associazioni e FAI spa Olio pugliese in due bottiglie su tre. Storica intesa sottoscritta da associazioni e FAI spa Centomila quintali di extravergine pugliese sugli scaffali
Olio Extravergine di Oliva, domani la conclusione del progetto UNAPOL con gli studenti Olio Extravergine di Oliva, domani la conclusione del progetto UNAPOL con gli studenti I ragazzi dell'alberghiero riceveranno il riconoscimento del titolo di membro Panel
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.