violenza
violenza
Attualità

«Ora le case diventano una gabbia», la lente degli psicologi sui maltrattamenti in famiglia

Vincenzo Gesualdo: «In caso di necessità chiedete aiuto al 1522»

L'emergenza sanitaria che stiamo vivendo, che ha imposto la quarantena al fine di limitare e contenere il contagio da Coronavirus, porta con sé svariate problematiche che non possono esser sottovalutate. Una fra queste risulta essere la violenza domestica sulle donne. Secondo gli ultimi dati a livello nazionale, nella prima settimana di quarantena le denunce sarebbero calate del 50%, un dato che potrebbe sembrare estremante positivo se solo non si contestualizzasse il momento storico che stiamo vivendo.

Le restrizioni imposte e le uscite controllate per molte donne risultano essere un vero e proprio incubo in quanto la quarantena costringe a restare l'intera giornata insieme al proprio aguzzino. Da ciò emerge che le vittime sono impossibilitate a cercare una qualsiasi forma di aiuto, che sia mediante l'utilizzo del telefono o uscendo di casa liberamente per commissioni.

"La posizione in cui si trovano le vittime è ancora più delicata in questo momento di restrizioni – afferma il presidente dell'Ordine degli psicologi della Puglia, Vincenzo Gesualdo. Si trovano bloccate in casa con il loro carnefice, costrette a dover soccombere e a fingere a sé stesse e al mondo, occultando la realtà. La violenza, qualunque essa sia, non deve essere accettata e soprattutto intesa come normalità, nonostante le restrizioni dovute all'emergenza sanitaria".

Conflittualità, maltrattamenti e manipolazione da parte del partner sono fra le maggiori cause che portano, in un momento di isolamento imposto dall'emergenza, le vittime a scoraggiarsi dal chiedere aiuto. "Mai come adesso le mura domestiche diventano una vera e propria gabbia – continua Gesualdo - nella quale il muro del silenzio deve essere abbattuto. Sfruttare il giusto momento nell'arco della giornata, magari mentre il partner esce per fare la spesa, per chiedere aiuto attraverso il numero nazionale antiviolenza (1522) è il solo modo per contrastare il fenomeno della violenza, di qualunque natura essa sia".

Altro strumento efficace per denunciare è l'app "1522", scaricabile da ogni smartphone e che consente di collegarsi con le operatrici antiviolenza e di azionare in maniera immediata i dispositivi di emergenza senza che il carnefice senta che si sta chiedendo aiuto.

"L'emergenza da Coronavirus non ferma gli uomini che abusano e che fanno violenza ma non deve neanche fermare tutte quelle donne che sono vittime" conclude Gesualdo.
  • Violenza sulle donne
Altri contenuti a tema
Le consigliere comunali di Corato lanciano il loro messaggio contro la violenza Le consigliere comunali di Corato lanciano il loro messaggio contro la violenza «Ci impegniamo oggi, e continueremo a farlo domani, in Consiglio Comunale e in città»
"Questo non è amore", il Covid non ferma la campagna della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne "Questo non è amore", il Covid non ferma la campagna della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne Anche senza camper nelle piazze la Polizia resta in prima linea, con una app e una campagna di sensibilizzazione
Giovane coratina vittima di abusi a Firenze Giovane coratina vittima di abusi a Firenze La 21enne è stata sottratta al giogo dei malintenzionati dall'intervento della Polizia
Maltrattamenti sulla moglie, ai domiciliari guardia giurata Maltrattamenti sulla moglie, ai domiciliari guardia giurata La donna ha denunciato il marito alla questura di Caserta
Arte e poesia per dire "no" alla violenza sulle donne Arte e poesia per dire "no" alla violenza sulle donne Quarta edizione di "Per l'altra metà del cielo"
"No alla violenza di genere", a Corato due giorni di manifestazioni "No alla violenza di genere", a Corato due giorni di manifestazioni Musica, spettacolo e dibattiti su un argomento di grande attualità
La storia di Federica e Andrea, uccisi da chi avrebbe dovuto amarli La storia di Federica e Andrea, uccisi da chi avrebbe dovuto amarli A Corato i coniugi De Luca raccontano che "L'amore non uccide"
RiscoprirSi Donna: il centro antiviolenza a sostegno delle donne RiscoprirSi Donna: il centro antiviolenza a sostegno delle donne Tante attività e impegno per dare voce alle donne in difficoltà
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.