guardie giurate morto
guardie giurate morto
Cronaca

Selfie col morto, Procura apre inchiesta a carico di ignoti

Nella chat menzionata nell'esposto anche vigilantes coratini

La Procura di Trani vuole vederci chiaro in merito all'esposto anonimo fatto recapitare al Procuratore della Repubblica di Trani in cui si raccontava, allegando eloquenti fotografie, del macabro gioco di alcuni vigilantes in servizio a Ruvo di Puglia, di fotografarsi nell'obitorio del cimitero accanto ai cadaveri nelle bare e poi di far girare i selfie su WhatsApp.

La Magistratura tranese, infatti, ha aperto un fascicolo di inchiesta, al momento a carico di ignoti.

L'esposto, corredato dalle fotografie, è stato fatto anche recapitare alle redazioni giornalistiche.

Nella denuncia si legge che le guardie giurate «in più occasioni, approfittando dei compiti di vigilanza affidatigli per conto del comune di Ruvo di Puglia, si introducevano clandestinamente all'intemo dell'edificio destinato a obitorio, facendosi ritrarre in posa con alcuni defunti che purtroppo stazionavano per la notte prima del rito funebre». I fatti in questione risalirebbero ad agosto 2015 e gennaio 2016.

Le foto, stando a quanto si legge nell'esposto, venivano poi condivise in un gruppo WhatsApp del quale facevano parte anche i vertici aziendali e numerosi dipendenti, «suscitando il macabro divertimento dei partecipanti che si concretizzava con commenti di ilarità».

Nell'esposto si fa chiaro riferimento ai nomi e alle qualifiche delle persone che partecipavano alla chat e che avevano modo di visualizzare i selfie col morto.

«È sconcertante che da parte dei vertici aziendali (...) non siano mai stati inseriti commenti di disapprovazione di tali gesti, o adottati provvedimenti mirati a punire e/o impedire il ripetersi di tali azioni ripugnanti» accusa l'estensore della denuncia.

Il fatto sta facendo discutere, anche a livello nazionale, essendo stato ripreso dalle maggiori testate italiane.

  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» I soldi per archiviare una indagine artatamente allestita
Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Lo riferisce l'Ansa: avrebbe preso 75mila euro
Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Due dei fratelli Ferri ascoltati dai Carabinieri
Sentenze pilotate, sei condanne Sentenze pilotate, sei condanne I fatti risalgono agli anni 2008 - 2010
Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» L'imprenditore di Corato rivela nuovi elementi contro i giudici che fecero arrestare la sua famiglia
Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Nel registro degli indagati spunta il nome del magistrato Luigi Scimè
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Aumenta il numero degli indagati. La Gazzetta del Mezzogiorno diffonde nuovi particolari
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.