Anziani
Anziani
Cronaca

Fermata la banda che truffava gli anziani

In manette tre napoletani

Nei giorni scorsi, a Corato, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale presso la Procura della Repubblica di Trani, a carico di tre persone, Andrea Colucci di 28 anni, Antonio Cozzolino di 39 anni e Claudio Speranza di 50 anni, pregiudicati napoletani residenti nella regione Campania, ritenuti responsabili del reato di truffa aggravata in concorso.

I poliziotti del locale Commissariato di P.S., a seguito di un'intensa attività d'indagine, sono risaliti all'identità degli autori di due truffe nei confronti di anziani commesse a Corato e Minervino Murge.

Lo scorso mese di giugno, un'anziana donna residente a Corato fu contattata telefonicamente da un uomo che, spacciatosi per carabiniere della Stazione di Bisceglie, l'ha informata dell'arresto del figlio a seguito di un incidente stradale che sarebbe stato rimesso in libertà dopo il pagamento di una somma di 2200 euro da versare ad un avvocato che si sarebbe recato presso la sua abitazione.

La vittima, racimolata la somma richiesta, costituita in parte da denaro contante ed in parte da monili d'oro, la consegnò al sedicente avvocato che, durante la frettolosa fuga lungo la rampa delle scale fu notato dall'anziano marito della vittima che rientrando in casa incrociò il malfattore e, insospettito, tentò di seguirlo ed annotò i dati dell'autovettura utilizzata per la fuga.

Con le stesse modalità, una seconda truffa era stata consumata e denunciata, nei giorni precedenti, a Minervino Murge dove un'anziana donna aveva consegnato ai truffatori la somma di 10.000 euro in contanti ed alcuni monili in oro: due spille, due bracciali e due collane.

Dai successivi accertamenti è emerso che l'auto utilizzata nella commissione del reato era stata noleggiata e, poco prima, controllata da una pattuglia di Polizia che aveva riscontrato a bordo la presenza dei tre arrestati.

L'indagine ha consentito di raccogliere prove a carico di Cozzolino, riconosciuto dalla vittima della truffa perpetrata a Minervino Murge e di Speranza e Colucci, ritenuti responsabili della la truffa in danno dell'anziana residente a Corato, rispettivamente con il "ruolo" di conducente dell'autovettura e finto avvocato.

Al termine delle formalità di rito i tre sono stati ristretti presso le rispettive abitazioni, a cura dei Commissariati di P.S. campani territorialmente competenti, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.
  • Polizia
  • Truffa
Altri contenuti a tema
Rapina a un negozio del centro, padre e figlio in manette Rapina a un negozio del centro, padre e figlio in manette Armati di pistola si fecero consegnare il registratore di cassa
Truffe agli anziani, i malintenzionati agiscono anche al telefono Truffe agli anziani, i malintenzionati agiscono anche al telefono Il racconto di un raggiro sventato
In manette i ladri di chianche nel centro storico di Corato In manette i ladri di chianche nel centro storico di Corato Sono due uomini di 34 e 35 anni
Stalking e maltrattamenti sulla moglie, arrestato 53enne Stalking e maltrattamenti sulla moglie, arrestato 53enne Finito un incubo durato 5 anni
Si scaglia contro poliziotti e familiari, arrestato 24enne Si scaglia contro poliziotti e familiari, arrestato 24enne L'uomo era probabilmente ubriaco
Auto rubate e reimmesse sul mercato, controlli a tappeto della Polizia Auto rubate e reimmesse sul mercato, controlli a tappeto della Polizia Il fenomeno delle auto clonate è particolarmente intenso
Furti d'auto in tutta la provincia, sei arresti della Polizia Furti d'auto in tutta la provincia, sei arresti della Polizia Operazione "Park and Ride". I furti alimentavano il mercato nero dei pezzi di ricambio
Minacce di morte alla moglie incinta, ai domiciliari 40enne Minacce di morte alla moglie incinta, ai domiciliari 40enne La donna si trova in un luogo protetto
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.