Comune
Comune
Cronaca

Piano di Zona, cambia l'affidatario del servizio ADI. Pronto il licenziamento per tre lavoratrici

Ficco (CGIL): «Nessuna risposta dal Comune di Corato. Chiameremo in giudizio le istituzioni»

«Il nuovo affidante deve assicurare la continuità occupazionale dei lavoratori e le loro condizioni economico-normative godute».

Dura presa di posizione della Fp Cgil di Bari in merito al cambio di gestione del servizio ADI, l'assistenza domiciliare integrata per over 65enni dei comuni di Corato, Ruvo e Terlizzi.

Nel passaggio di gestione dalla cooperativa uscente SMI, Servizi Multipli Integrati, alla subentrante, Il Castoro, rischiano il posto tre lavoratrici, attualmente in aspettativa non retribuita dalla SMI e ancora in attesa del passaggio a Il Castoro: il licenziamento è fissato per il prossimo 26 giugno.

«Già a dicembre, in tempi non sospetti», commenta a riguardo Domenico Ficco, segretario generale della Fp Cgil Bari «avevamo sollecitato il Comune di Corato, l'ufficio di piano di Corato, Ruvo e Terlizzi, a vigilare con attenzione sul rispetto delle disposizioni di leggi in caso di cambio di gestione, continuità occupazionale e tutela delle lavoratrici. Abbiamo svolto più volte incontri e confronti con le parti, la SMI e Il Castoro, per discutere nel merito».

Gli incontri, l'ultimo dei quali pochi giorni fa, ha messo in evidenza la totale disparità di vedute: la SMI ha comunicato che procederà al licenziamento delle tre lavoratrici, inizialmente impiegate sul servizio ADI, il prossimo 26 giugno e, per contro, il Castoro ha ribadito l'impossibilità di procedere all'assunzione di tutte le unità per il numero di ore contrattualizzate per il servizio ADI.

Di qui la richiesta della Fp Cgil di Bari, indirizzata all'ufficio di piano dell'ambito che lega i comuni di Corato, Terlizzi e Ruvo: «Non essendo addivenuti ad alcuna intesa, a causa di vedute così diverse, richiediamo un incontro urgente al comune di Corato e all'ufficio di Piano, entro il 26 giugno, per trovare una possibile soluzione. Sino a venerdì 23 giugno nessuna risposta è stata fornita dalle Istituzioni».

«E' il motivo per cui abbiamo deciso con le lavoratrici di recarci di persona presso l'ufficio di Piano dove la responsabile, per il tramite di un collega, dopo 3 ore di attesa ci ha comunicato di non volerci ricevere» continua il Segretario Generale della FP CGIL Bari

«È vergognoso quanto sta accadendo. Lo è ancora di più perché sono le Istituzioni - quelle dovrebbero essere garanti della giustizia e della legalità - a lavarsene le mani. Non finisce qui. stiamo a vedere cosa succederà lunedì. Se le lavoratrici saranno licenziate chiameremo in giudizio anche le istituzioni»
  • Servizi sociali
Altri contenuti a tema
«Abbiamo garantito al sig. Antonio e alla sua famiglia tutti i previsti servizi di assistenza» «Abbiamo garantito al sig. Antonio e alla sua famiglia tutti i previsti servizi di assistenza» Da Palazzo di Città un chiarimento circa la storia di una famiglia senza dimora raccontata da un giornale locale
Violenza ai servizi sociali, il sindaco: «Questa storia deve finire» Violenza ai servizi sociali, il sindaco: «Questa storia deve finire» La solidarietà del primo cittadino agli agenti aggrediti e feriti
1 Botte ai servizi sociali, Polizia Locale arresta un 42enne Botte ai servizi sociali, Polizia Locale arresta un 42enne Un utente ha aggredito gli agenti provocando loro ferite
Ennesima aggressione ai danni del personale dei Servizi Sociali Ennesima aggressione ai danni del personale dei Servizi Sociali Aggredito anche il dirigente Casieri
Pubblicato il bando per l'erogazione dei contributi economici per i cittadini Pubblicato il bando per l'erogazione dei contributi economici per i cittadini Termine per la presentazione delle domande fissato per il 4 maggio
Caos ai servizi sociali, aggrediti i dipendenti Caos ai servizi sociali, aggrediti i dipendenti La condanna del Sindaco
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.