JPG
JPG
Cronaca

Raccoglieva tartufi con falso tesserino, denunciato

Multe per 10mila euro elevate dai Carabinieri Forestali

Proseguono le indagini avviate dai Carabinieri Forestali del Coordinamento Territoriale per l'Ambiente del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, che da mesi attenzionano il fenomeno dei falsi tesserini per la raccolta del tartufo.

Le costanti attività di controllo sul territorio, coordinate dal Capitano Giuliano Palomba, hanno di recente permesso ai militari di individuare un nuovo tesserino che dai riscontri documentali è risultato falsificato. Per i reati di falsità materiale è stato così deferito all'Autorità Giudiziaria un soggetto di giovane età e residente a Sammichele di Bari. I militari delle Stazioni parco hanno altresì passato al setaccio i territori dell'area protetta al fine di verificale più in generale, la liceità delle attività di raccolta dei tartufi.

Un fenomeno che negli ultimi tempi ha registrato una crescita esponenziale calamitando sul territorio numerosi ricercatori provenienti dalle regioni limitrofe attratti anche dagli ottimi guadagni offerti dal mercato al pregiato tubero. Sotto la lente dei controlli sono finite non solo le autorizzazioni per procedere al prelievo dei tartufi che in area parco necessitano in aggiunta al tesserino rilasciato dalla "Città Metropolitana", della specifica autorizzazione dell'Ente Parco, ma anche e soprattutto le modalità di ricerca e raccolta del tubero.

Modalità che devono essere "tecnicamente corrette" secondo le previsioni di legge il tutto al fine di reprimere prelievi inidonei e così tutelare in sito, le tartufaie. Oltre 15 i soggetti che sono stati colti in fallo, nei territori di Altamura, Gravina in Puglia, Andria, Corato e Ruvo di Puglia, e sanzionati amministrativamente a vario titolo, per un totale di circa 10.000 euro.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Coronavirus, criminali in quarantena. Il colonnello Cairo: «Reati in calo del 31%» Coronavirus, criminali in quarantena. Il colonnello Cairo: «Reati in calo del 31%» Il bilancio del comandante provinciale dell'Arma: «Controllate 89mila persone». Sul futuro: «Terremo alta l'attenzione sull'usura»
Sparò ai vigilanti dopo l'assalto alla banca, preso pericoloso latitante Sparò ai vigilanti dopo l'assalto alla banca, preso pericoloso latitante Il tentanto colpo nell'aprile 2018. Il piano fu sventato da un coratino in servizio a Ruvo di Puglia
Prepara il pranzo per una famiglia in difficoltà, il gesto trova la solidarietà dei carabinieri Prepara il pranzo per una famiglia in difficoltà, il gesto trova la solidarietà dei carabinieri I militari si offrono per la consegna. Il cibo preparato a Corato raggiunge Trani
Corato e comuni limitrofi blindati per evitare l'esodo: posti di blocco ovunque Corato e comuni limitrofi blindati per evitare l'esodo: posti di blocco ovunque La misura di controlli per evitare spostamenti ingiustificati
La pensione? La ritirano per voi i Carabinieri La pensione? La ritirano per voi i Carabinieri Sottoscritto l'accordo tra l'Arma e Poste Italiane
Furto e smarrimento,  la denuncia si fa on line Furto e smarrimento, la denuncia si fa on line Il servizio “Denuncia Vi@ Web” sul sito dei Carabinieri per limitare i tempi di attesa presso le caserme
Carabinieri setacciano la città, tre persone arrestate Carabinieri setacciano la città, tre persone arrestate Controllo ad ampio raggio. Due patenti ritirate
Furti d'auto, 4 persone in manette. Tre sono donne Furti d'auto, 4 persone in manette. Tre sono donne Le manette dopo un inseguimento ad Andria
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.