Controllo Polizia
Controllo Polizia
Attualità

Fase 2, ecco il nuovo modulo di autocertificazione

Da domani saranno possibili gli spostamenti fra comuni, attività fisica individuale e far visita ai congiunti

L'Italia entra da domani 4 maggio, nella Fase 2 che vede la ripresa di attività produttive, come del settore manifatturiero ed edile, come stabilito dal DPCM del presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile. Una data che segna anche la ripartenza per le attività della produzione gastronomica, ancora per il solo asporto, anche se l'ordinanza regionale del 28 aprile ne aveva già anticipata l'autorizzazione, e si assiste alla riapertura di cimiteri, ville e parchi e la ripresa dei mercati settimanali, per il solo comparto alimentare.

A Corato è stata già data l'approvazione per la riapertura del cimitero, con una brutta sorpresa per il furto di un ingente quantitativo di cavi elettrici scoperto alla riapertura dei cancelli; domani riapre la villa di via Sant'Elia, con ingresso contingentato dalle 6.00 alle 12.00 e sabato prossimo si ritornerà a fare la spesa alimentare al mercato settimanale.

Maggiori concessioni anche per gli spostamenti, che dovranno essere sempre certificati da motivata giustificazione per motivi di necessità, lavoro, salute o urgenza, ma si potrà tornare ad uscire dal proprio comune di residenza. Ancora vietato invece uscire dalla propria regione.

Da domani sarà possibile uscire per svolgere attività fisica, ma individuale e con le opportune misure di distanziamento e con i dispositivi di sicurezza, ovvero mascherine e guanti, e adottando le stesse precauzioni sarà anche possibile andare a trovare i congiunti, cioè: «I coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge)».

Per giustificare gli spostamenti sarà ancora necessario il modello di autocertificazione, pubblicato questa sera sul sito del Ministero dell'Interno e scaricabile in calce, ma sarà possibile utilizzare anche il precedente modello barrando le voci non più attuali.

Bisogna quindi dichiarare ancora di non essere sottoposto alla misura della quarantena ovvero di non essere risultato positivo al COVID-19, i motivi dello spostamento indicando provenienza e destinazione, di essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio vigenti, nazionali e regionali, e delle sanzioni previste in caso di violazione.

Oltre al modulo da scaricare, si ripropone in basso anche l'elenco delle domande e risposte più frequenti in vista della fase 2.
  • Polizia
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid, 459 casi e 11 decessi in provincia di Bari Covid, 459 casi e 11 decessi in provincia di Bari In tutta la regione 1200 positivi, uno ogni 10 tamponi
Bollettino Covid, quasi mille casi e 30 decessi Bollettino Covid, quasi mille casi e 30 decessi Registrati 11790 test
Covid, meno tamponi ma 32 decessi. La metà in provincia di Bari Covid, meno tamponi ma 32 decessi. La metà in provincia di Bari Registrati oggi 401 positivi su 3949 test
Covid, scendono a 224 i positivi a Corato Covid, scendono a 224 i positivi a Corato L'aggiornamento del sindaco
Didattica a scelta, i sindacati: «Ordinanza intollerabile e lesiva della dignità dei lavoratori» Didattica a scelta, i sindacati: «Ordinanza intollerabile e lesiva della dignità dei lavoratori» Critici CISL, CGIL e UIL, questa mattina in piazza in protesta
Covid, quasi 1000 nuovi casi in Puglia e 14 decessi Covid, quasi 1000 nuovi casi in Puglia e 14 decessi Quella di Bari resta la provincia più colpita
Indice Rt ancora superiore a 1, la Puglia resta in zona arancione Indice Rt ancora superiore a 1, la Puglia resta in zona arancione Il Ministro Speranza conferma per la nostra regione le misure già in vigore
Covid, positivo un test su dieci. 1023 i casi positivi in Puglia Covid, positivo un test su dieci. 1023 i casi positivi in Puglia Sono 11 i decessi registrati
© 2016-2021 CoratoViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.