tasrsform j
tasrsform j
Cronaca

Furti di rame ai pozzi dell'Arif, è allarme nelle campagne

A rischio la distribuzione dell'acqua nei campi e nelle aziende agricole

È allarme nelle campagne di tutto il nord barese per i continui furti di rame ai danni dei pozzi irrigui dell'Arif e dei privati che stanno mettendo a dura prova l'agricoltura del territorio. Quella dei predoni dell'oro rosso è una guerriglia silenziosa: si muovono di notte e assaltano non solo i sistemi di alimentazione delle linee ferroviarie, ma anche i cavi che corrono parelleli alle strade di campagna, le cabine e i trasformatori dell'Enel e soprattutto i pozzi irrigui. «L'ultimo assalto è avvenuto in uno dei pozzi di Corato in zona Coppa di Zezza», denuncia Mimmo Palumbo, responsabile tecnico nord barese dell'Arif, l'azienda che gestisce una vasta rete irrigua a servizio soprattutto dell'agricoltura. «Sono stati depredati trasformatori, cavi e quadri elettrici, per un danno stimato che si aggira intorno ai 20 mila euro».

Ad agire sono bande organizzate, ladri esperti che sanno maneggiare apparecchiature ad alta e media tensione: prima svuotano l'olio di raffreddamento che si trova all'interno dei trasformatori (sostanza che tra le altre cose è altamente nociva), poi smontano gli avvolgimenti elettrici per rivenderli al mercato nero. Ma il bottino è fatto anche di cavi elettrici e altre componenti in rame dei quadri di comando o delle pompe elettriche. Vengono presi di mira persino alcuni dispositivi in ottone che si trovano all'interno dei bocchettoni della rete irrigua nei campi dei singoli agricoltori. Un fenomeno dilagante che riguarda i territori di Mariotto, Palo del Colle, Ruvo, Terlizzi, Corato e alcune città della Bat come Andria e Barletta dove dall'inizio dell'anno sono state assaltati numerosi pozzi.

I danni economici sono ingenti. Basti dire che appeena 60 centimetri di cavo asportato da un quadro elettrico portano in conto una sopravvenienza negativa di minimo 300 euro. Per non dire dei danni collaterali che rischiano di essere ancor più pesanti: quando vengono distrutte tutte le apparecchiature di un pozzo come è successo a Corato, spiega ancora Palumbo, non ci sono le condizioni per rimettere in esercizio la rete in tempi brevi: non sempre le forniture (soprattutto quando si parla di trasformatori) sono immediatamente disponibili e le riparazioni possono subire ritardi imprevedibili. Problema non da poco per l'irrigazione delle piante fuori campo nelle aziende florivivaistiche, così come per le aziende agricole che in questo periodo danno acqua alle produzioni orticole e ai frutteti. Nonostante si stia valutando l'ipotesi di affidare il monitoraggio della rete irrigua a un istituto di vigilanza, «c'è necessità che associazioni di categoria e operatori agricoli siano sensibilizzati rispetto a questo fenomeno e siano pronti ad allertare subito le forze dell'ordine di fronte a movimenti sospetti».
  • furto
Altri contenuti a tema
Ladri di auto di lusso in azione, i Carabinieri ne prendono due Ladri di auto di lusso in azione, i Carabinieri ne prendono due Gli ultimi colpi li hanno messi a segno tra Trani, Corato ed Andria
Ladri in azione nella chiesa di San Giuseppe Ladri in azione nella chiesa di San Giuseppe Rubate le offerte
Ladri di chianche in fuga nel centro cittadino, intervento della Polizia Ladri di chianche in fuga nel centro cittadino, intervento della Polizia Malviventi in azione in Piazza Nitti
Rubate le attrezzature dell'Osservatorio Andromeda Rubate le attrezzature dell'Osservatorio Andromeda L'appello: "Fateci ritrovare gli strumenti, anche in forma anonima"
Pronti per compiere un colpo con un camion rubato, messi in fuga dalle guardie Pronti per compiere un colpo con un camion rubato, messi in fuga dalle guardie Il veicolo, risultato rubato a Corato, è stato recuperato
Furti nelle campagne, CIA Levante scrive al Prefetto Furti nelle campagne, CIA Levante scrive al Prefetto Numerose le segnalazioni tra le province di Bari e BAT
Escalation di furti, prese di mira abitazioni e depositi agricoli Escalation di furti, prese di mira abitazioni e depositi agricoli Intensa l'attività delle guardie giurate ma non basta
Incappucciato deruba una donna in auto: «Ora mi fa paura la quiete della notte» Incappucciato deruba una donna in auto: «Ora mi fa paura la quiete della notte» Il terribile episodio denunciato sui social network
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.